Volley, MAGNUM PERUGIA: i Block Devils vincono la Coppa Italia! Primo trionfo nella storia, Civitanova si arrende in Finale

volley-Perugia-1-foto-Origo-V.jpg

Perugia ha vinto la Coppa Italia 2018 di volley maschile sconfiggendo Civitanova per 3-1 (16-25; 25-22; 25-20; 27-25) nella Finale giocata al PalaFlorio di Bari davanti a 5000 spettatori: un successo roboante per i Block Devils che mettono il loro nome nell’albo d’oro per la prima volta nella storia e conquistano il secondo trofeo stagionale dopo aver conquistato la Supercoppa Italiana a ottobre (anche in quella occasione avevano sconfitto la Lube nell’atto conclusivo). Una vera e propria apoteosi per la squadra del vulcanico patron Gino Sirci, capolista della nostra SuperLega che già ieri aveva surclassato Trento e che oggi ha fatto la differenza dopo aver perso il primo set. Gli umbri riscattano così la sconfitta patita in Finale nel 2014 contro Piacenza e mettono ko i Campioni d’Italia che si erano presentati in Puglia per difendere il titolo conquistato lo scorso anno e che andavano a caccia della sesta Coppa Italia della loro storia.

Una prima volta assoluta per gli uomini di Bernardi che si stanno rivelando davvero imbattibili dentro i nostri confini: comandano la classifica del nostro campionato con quattro punti di vantaggio proprio sui cucinieri che oggi sono crollati per la terza volta in quattro incontri stagionali giocati contro Perugia (hanno vinto soltanto in SuperLega, poi hanno perso anche in Champions League oltre nelle due Finali già citate). Un trionfo meritato per i Block Devils che in questa stagione si stanno prendendo con gli interessi tutto quello che hanno perso nel corso delle ultime deludenti stagioni.

Prestazione di assoluto spessore da parte dell’opposto Aleksandar Atanasijevic (20 punt col 61% in attacco), Ivan Zaytsev si è distinto in ricezione e ha garantito la solidità necessaria per portare a casa l’incontro (8 punti per lo Zar), doppia cifra anche per il martello Aaron Russell (13) e per il centrale Simone Anzani (13, 3 muri) affiancato nel ruolo da Marko Podrascanin (11, 3 stampatone), regia encomiabile di Luciano De Cecco, Massimo Colaci il libero. Civitanova si è affidata naturalmente a Tsvetan Sokolov (22) e Osmany Juantorena (18), Medei ha puntato su Kovar al posto di Sander nel quarto set ma non è bastato per raddrizzare una partita che si era messa bene nel primo set dominato e che poi invece è scivolata via mestamente.

Nel secondo set Perugia ha piazzato lo strappo dal 19-21: il muro di Podrascanin e un ace hanno chiuso i conti. Poi la terza frazione si è aperta con tre muri (due di Podrascanin, unon di Russell) e con l’ace di Christenson che hanno indirizzato il set. Civitanova ha provato a reagire nel quarto, è andata avanti con l’ace di Sokolov (16-15). Poi la Lube si era issata sul 23-20 ma un videocheck ha mutato la decisione presa dall’arbitro sul campo. Perugia ha avuto l’occasione per chiudere con Atanasijevic, set-point per la Lube dopo l’ace di Sokolov ma è poi lo stesso Atanasijevic e mandare in visibilio Perugia.

 





(foto Valerio Origo)

Lascia un commento

scroll to top