Sci alpino, Slalom femminile Zagabria 2018: Mikaela Shiffrin regina indiscussa! Altra vittoria per l’americana, Holdener e Hansdotter sul podio

Mikaela-Shiffrin-2-Pier-Colombo.jpg

Ancora lei, sempre lei. Mikaela Shiffrin ha trionfato nello slalom di Zagabria, mettendo sempre di più il suo sigillo su questa Coppa del Mondo di sci alpino. Oramai non fa più notizia: è il successo numero 7 in stagione (su 13 gare disputate, con 10 podi), il quarto nelle ultime cinque gare, per un totale di 38 in Coppa del Mondo. Staccata Marlies Schild, nel mirino Anja Paerson; soprattutto, Shiffrin compirà 22 anni a marzo e potrebbe in questi due mesi stracciare il record di Ingemar Stenmark e Annemarie Proll, che prima del compimento dei 23 anni vinsero rispettivamente 40 e 41 gare. L’americana, così giovane, è già vicina all’ingresso nel mito.

Anche oggi la gara di Shiffrin si è risolta già dopo la prima manche. La nativa di Vail partiva nella seconda discesa con 1.41 di vantaggio su Wendy Holdener. Un margine che ovviamente non è bastato alla regina del Circo Bianco, che in alto ha controllato per poi accelerare nel finale, nonostante una pista segnata e rovinata dalla neve scesa copiosa nella seconda parte della manche. Al traguardo il suo distacco è stato di 1.59 sulla svizzera, ancora una volta la prima delle umane come già a Lienz e nel parallelo di Oslo. A completare il podio la svedese Frida Hansdotter, risalita dal quinto posto della prima manche e fermatasi a 2.11 da Shiffrin.

Ai piedi del podio Petra Vlhova (+2.24), terza a metà gara, nonostante una condizione di salute non eccelsa (febbricitante). Tre austriache in top ten: Bernadette Schild è quinta (+2.38, era quarta dopo la prima manche), Katharina Gallhuber è sesta (+2.91), Katharina Liensberger è ottava (+3.20). Tra di loro la canadese Erin Mielzynski (+2.96), autrice del miglior tempo della seconda manche, che le ha permesso di recuperare cinque posizione ed entrare nelle dieci. Nona Melanie Meillard (+3.33), decima Anna Swenn Larsson (+3.34), che ha scalato ben undici posti essendo scesa quando la pista era ancora in buone condizioni.

Indietro le azzurre. Irene Curtoni ha recuperato quattro posizioni ed ha chiuso al 15° posto (+3.87). Manuela Moelgg è riuscita a limitare i danni, su una pista complicata per lei, finendo la gara al 23° posto (+4.62). Peccato per Chiara Costazza. Come a Lienz, l’azzurra stava sciando bene nella seconda manche, ma un errore ha compromesso la sua prova. La 33enne è riuscita a rimanere in piedi ma terminando alla fine in 28^ posizione (+5.87).

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SULLO SCI ALPINO

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

scroll to top