Football americano, NFL 2018: Atlanta vince la corsa con Seattle. Baltimore beffata: Tennessee e Buffalo volano ai playoff

oa-logo-correlati.png

Ultimo turno della regular season della stagione NFL. La Week 17 ha quindi assegnato i pochi posti ancora disponibili per giocare la postseason e definito la griglia dei playoff. Nella AFC la corsa era apertissima: alla fine sono state Tennessee e Buffalo a prevalere sul resto della concorrenza. Per i Titans (9-7) si è trattato di una formalità, nonostante l’impegno contro i Jacksonville Jaguars (10-6), già primi nella AFC: è stato Marcus Mariota (134 yds e 1 TD, 60 yds di corsa) a guidare la sua squadra alla vittoria per 15-10 dopo tre sconfitte consecutive sancendone il ritorno alla postseason. I Bills (9-7), invece, sembravano non avere speranze, nonostante il successo per 22-16 (204 yds con 19/27 e 1 TD per Tyrod Taylor) sul campo dei Miami Dolphins (6-10): a regalare la wild card a Buffalo è stata Cincinnati (7-9), che ha battuto per 31-27 Baltimore (9-7) grazie ad un touchdown da 49 yds lanciato da Andy Dalton verso Tyler Boyd a 44″ dalla fine. Una doccia gelata per le ambizioni dei Ravens, beffati proprio nel finale e passati dal paradiso all’inferno in pochi secondi.

Per il resto nessuna sorpresa nella AFC. I New England Patriots (13-3) hanno avuto vita facile contro i New York Jets (5-11), battuti 26-6 grazie ad un Dion Lewis di fuoco, con 133 yds totali (93 di corsa + 43 in ricezione) e 2 TD. I campioni in carica saranno quindi la testa di serie numero 1 del tabellone, nonostante lo stesso record dei Pittsburgh Steelers (13-3), vincitori del confronto con i Cleveland Browns per 28-24. L’ultima giocata è stata la fotografia perfetta della stagione della squadra dell’Ohio: sul quarto down DeShone Kizer ha trovato libero Corey Coleman, ma proprio alla fine la palla è scivolata via dalle mani di quest’ultimo. Cleveland ha così chiuso l’anno con 0 vittorie e 16 sconfitte, nonostante una preseason brillante (4-0), pareggiando il record negativo dei Detroit Lions del 2008 (anche loro 4-0 in preseason, poi 0-16). La testa di serie numero 4 sarà Kansas City (10-6), che ha battuto per 27-24 Denver (5-11). Da segnalare, infine, la sconfitta degli Oakland Raiders (6-10) per 10-30 contro i Los Angeles Chargers (9-7), questi ultimi rimasti comunque fuori dalla postseason, che è costata il posto a coach Jack Del Rio. L’ultima partita della stagione di Giorgio Tavecchio si è conclusa con una trasformazione ed un field goal a segno da 40 yds.

Botti di fine anno anche nella NFC. Una wild card era da assegnare alla perdente della corsa tra New Orleans e Carolina. I Saints (11-5) hanno perso per 31-24 contro i Tampa Bay Buccaneers (5-11) grazie ad un touchdown da 39 yds siglato da Chris Godwin a 9″ dalla fine. La squadra di Drew Brees (22/30, 245 yds, 1 TD), però, ha comunque conquistato il titolo della NFC South per via della sconfitta dei Panthers (11-5), battuti per 22-10 dagli Atlanta Falcons (10-6). Si trattava di un vero e proprio scontro diretto che alla fine ha premiato la squadra che aveva più fame, quella che si giocava di più. La squadra della Georgia è stata infatti brava a capitalizzare tutte le occasioni avute, soprattutto al calcio, con Matt Bryant che ha mandato a segno tutti e cinque i field goal tentati (uno da 56 yds). I Falcons hanno così strappato la seconda wild card, approfittando della sconfitta dei Seattle Seahawks (9-7), caduti in casa contro gli Arizona Cardinals (8-8) per 26-24. Tutto si è deciso nel finale: Phil Dawson ha segnato dalle 42 yds a 2′ dalla fine, Blair Walsh ha sbagliato la conclusione dalle 48 yds a 32″ dal termine. Una beffa per la squadra di Russell Wilson (18/29, 221 yds, 2 TD), che ha mancato l’accesso alla postseason per la prima volta dal 2011.

Tutto confermato al vertice. I Philadelphia Eagles (13-3), già certi del primato, hanno lasciato molti titolari a riposo (Nick Foles è stato sostituito dopo 11 lanci e 1 intercetto da Nate Sudfeld) nella sconfitta contro i Dallas Cowboys (9-7) per 6-0. La testa di serie numero 2, e quindi il bye al primo turno, spetta ai Minnesota Vikings (13-3), che hanno battuto per 23-10 i Chicago Bears (5-11) con un Latavius Murray in forma scintillante (111 yds di corsa e 2 TD). Il terzo posto, invece, apparteneva già ai Los Angeles Rams (11-5), che hanno deciso di far riposare diversi titolari (Jared Goff e Todd Gurley su tutti) perdendo dai San Francisco 49ers (6-10) per 34-10; altra grande prova di Jimmy Garoppolo, che ha lanciato per 292 yds con 2 TD guidando la sua squadra alla quinta vittoria consecutiva dalla sua promozione a titolare.

I risultati della Week 17

Detroit Lions – Green Bay Packers 35-11
Indianapolis Colts – Houston Texans 22-13
Minnesota Vikings – Chicago Bears 23-10
New England Patriots – New York Jets 26-6
New York Giants – Washington Redskins 18-10
Philadelphia Eagles – Dallas Cowboys 0-6
Pittsburgh Steelers – Cleveland Browns 28-24
Atlanta Falcons – Carolina Panthers 22-10
Baltimore Ravens – Cincinnati Bengals 27-31
Miami Dolphins – Buffalo Bills 16-22
Tampa Bay Buccaneers – New Orleans Saints 31-24
Tennessee Titans – Jacksonville Jaguars 15-10
Denver Broncos – Kansas City Chiefs 24-27
Los Angeles Rams – San Francisco 49ers 13-34
Los Angeles Chargers – Oakland Raiders 30-10
Seattle Seahawks – Arizona Cardinals 24-26

LE CLASSIFICHE

Wild Card weekend

AFC

Kansas City Chiefs (4) – Tennessee Titans (5)

Jacksonville Jaguars (3) – Buffalo Bills (6)

NFC

Los Angeles Rams (3) – Atlanta Falcons (6)

New Orleans Saints (4) – Carolina Panthers (5)

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL FOOTBALL AMERICANO

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo Twitter Baltimore Ravens

Lascia un commento

scroll to top