Show Player

Basket, Champions League 2018: Venezia soffre ma la spunta all’overtime. Sconfitta amara per Capo d’Orlando



Serata dolceamara per le italiane impegnate in Champions League. La Reyer Venezia è tornata al successo dopo tre sconfitte consecutive, al termine di un incontro più che sofferto. Capo d’Orlando, invece, è stata sconfitta in Grecia, dicendo addio ai sogni di gloria.

Ha lottato Capo d’Orlando ma non è bastato. Alla PAOK Arena hanno vinto i greci, bravi a mettersi in conduzione nel secondo quarto e non lasciare più il timone. I siciliani sono partiti forte, con Atsur e Kulboka ma immediata è stata la risposta della squadra di casa. L’equilibrio è durato per i primi dieci minuti ed a chiudere avanti il primo quarto è stata Capo d’Orlando (15-18). Ad essere decisivo è stato l’inizio di secondo quarto: il PAOK ha confezionato un parziale di 13-0 firmato Krubally e Jones. Wojciechowski e Alibegovic hanno tenuto i siciliani vivi ma il parziale all’intervallo è stato 41-35. Stesso discorso al ritorno in campo. Stavolta è stato un 10-0 ad aprire il terzo periodo, con due triple di Katsivelis. La SikeliArchivi ha provato a reggere affidandosi alla difesa ma non c’è stato nulla da fare. I greci hanno toccato il +22 (68-46) all’inizio del quarto periodo. Solo nel finale Laganà ha ispirato la reazione ma era troppo tardi. Il finale è stato 79-61.

Loading...
Loading...

Il tabellino

PAOK – SikeliArchivi Capo d’Orlando 79-61

Paok: Chrisikopoulos 13, Krubally 6, Koniaris, Tsochlas 3, Margaritis 6, Zaras 13, Charalampopoulos 6, Karamanolis, Katsivelis 10, Jackson 9, Goss 2, Jones 11

Capo d’Orlando: Galipò, Alibegovic 14, Maynor, Atsur 6, Kulboka 11, Laganà 3, Delas 6,  Wojciechowski 5, Stojanovic 12, Ikovlev ne, Donda 4

 

È stato più duro del previsto il successo della Reyer Venezia contro il Rosa Radom. Ci è voluto l’ennesimo overtime di questa Champions per vincere la resistenza dei polacchi, bravi a sfruttare le tante, troppe disattenzioni della squadra italiana. Dopo l’inizio firmato Watt e Orelik sono stati gli ospiti a prendere in mano l’incontro, volando in vantaggio e in doppia cifra all’inizio del secondo quarto. Due triple di Johnson hanno riavvicinato Venezia, ma è stato Harrow il mattatore del finale di primo tempo, chiuso 41-52. Sono stati Haynes e Orelik a ricucire lo strappo, aprendo un terzo quarto all’insegna dell’intensità. I polacchi non hanno mollato, riuscendo a rimanere avanti. Nonostante la perdita di Peric per cinque falli, Venezia è riuscita a mettere la testa avanti con due bombe di Haynes (72-71). Nel finale in volata si sono avvantaggiati i polacchi, ma un super Orelik ha firmato il pareggio con il 2+1 a 40″ dalla fine. Il primo vantaggio dell’overtime è stato dei polacchi con Zaytsev ma è stato uno scatenato Watt, dominatore dell’area, a regalare il successo a Venezia, 102-93. Una vittoria vitale per rilanciare la Reyer, reduce da tre sconfitte di fila in Europa.

Il tabellino

Umana Reyer Venezia – Rosa Radom 102-93

Venezia: Haynes 18, Peric 8, Johnson 11, Green 2, Tonut 4, De Nicolao 6, Orelik 18, Bolpin ne, Ress, Biligha 4, Cerella 6, Watt 25

Radom: Punter 31, Auda 7, Piechovicz 3, Witka, Zegzula, Trojan, Szymanski, Zaytsev 20, Szymkiewicz 4, Sokolowski 6, Harrow 22

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ettore Griffoni

Loading...

Lascia un commento

scroll to top