Hockey prato: un 2017 da ricordare per la nazionale femminile, arriva la qualificazione al Mondiale

20637965_1967924656817789_3324855984183960700_n1.jpg


Dal sogno ad una delusione che però non può far dimenticare un’annata che può considerarsi lo stesso super (anche se altalenante): la nazionale femminile di hockey su prato, guidata da Roberto Carta, ha disputato i due appuntamenti più importanti dell’anno nel giro di due mesi e ha raccolto una storica qualificazione al Mondiale 2018, dovendo però rimandare il pass per l’Europeo di Pool A.

Partiamo dalla World League di Bruxelles: le azzurre hanno fatto partita pari praticamente con tutte le avversarie presenti in Belgio (tralasciando le fenomenali olandesi). Non ha pesato la differenza di ranking ma, soprattutto, di esperienza, visto che alcune delle ragazze tricolori erano addirittura al debutto internazionale. Due settimane davvero strepitose, che hanno portato all’ufficiale qualificazione alla World Cup 2018 di Londra: la prima storica nella storia di questo sport. Un obiettivo che un decennio fa poteva sembrare irraggiungibile, arrivato al termine di un lunghissimo percorso fatto soprattutto di delusioni. L’obiettivo è quello ovviamente di rimanere su questi livelli per tutto il quadriennio: comportandosi bene in terra britannica la squadra di Carta potrebbe guadagnare fiducia ed esperienza, utili per il sogno olimpico. L’obiettivo, infatti, resta quello a Cinque Cerchi, sfuggito di pochissimo nelle ultime occasioni e da conquistare assolutamente in vista di Tokyo 2020.

E’ venuta a mancare invece un po’ di grinta nell’appuntamento di agosto a Cardiff. Forse anche un calo di tensione e di condizione fisica, dovuto al risultato arrivato neanche un mese prima. All’Europeo di Pool B in Galles le azzurre si presentavano da favorite, sia per classifica che per risultati: un pareggio all’esordio con la Russia, poi un crescendo negli altri incontri fino allo scontro diretto con la Bielorussia. Nel match che valeva la promozione nella massima serie continentale le azzurre hanno pagato qualche disattenzione e alcuni episodi che hanno pregiudicato un successo che sarebbe valso davvero tantissimo.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Rita Puglisi

Lascia un commento

scroll to top