Svezia-Italia, Play-off Mondiali 2018: rebus modulo tattico per Ventura. Sarà ancora 4-2-4 o 3-5-2?

Jorginho-Napoli-Gianfranco-Carrozza.jpg

L’Italia è pronta per la battaglia della vita: venerdì 10 novembre gli azzurri affronteranno la Svezia nell’andata dei playoff di qualificazione ai Mondiali 2018. A Stoccolma la nostra Nazionale si gioca un pezzo importante del proprio futuro e cercherà di mettere sotto gli avversari per arrivare poi a San Siro per giocarsi il tutto per tutto.

Le convocazioni diramate da Giampiero Ventura lasciano pensare a un possibile cambio di modulo rispetto al tanto discusso e poco amato 4-2-4 che abbiamo ammirato durante l’ultimo anno. L’Italia potrebbe infatti scendere in campo con il 3-5-2, uno schieramento tanto gradito ai veterani e che potrebbe infondere maggiore sicurezza alla nostra squadra. Così facendo, però, non ci sarebbe spazio per Lorenzo Insigne in attacco: privarsi dell’estro dell’attaccante del Napoli non sarà facile. Ciro Immobile e Andrea Belotti sono titolari inamovibili, c’è bisogno dei loro gol per fare la differenza e uno dei due potrebbe rimanere in panchina solo per eventuali problemi fisici.

Il centrocampo sarà così preso per mano da Daniele De Rossi: l’esperienza del romanista avrà un peso determinante ma è proprio qui che entra in gioco l’opzione Jorginho, la convocazione a sorpresa dopo tanti tira e molla. Il metodista del Napoli potrebbe diventare trascinatore di questa Italia? Sono sostanzialmente questi i rebus che circolano nella mente del nostro CT che sicuramente non farà a meno di Giorgio Chiellini, Andrea Barzagli e Leonardo Bonucci davanti al capitano Gigi Buffon che insegue il suo sesto Mondiale. In mediana ci sarebbero Candreva e Spinazzola con De Rossi al centro supportati da Parolo e Verratti in caso di 3-5-2.

 





(foto Gianfranco Carozza)

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top