Sci alpino, Coppa del Mondo 2017-2018: Brignone e Bassino, quando lo slalom può far vincere in combinata

Brignone-Pier-Colombo.jpg

La Coppa del Mondo di sci alpino riparte da Levi con un weekend dedicato completamente allo slalom. Si comincia con la gara femminile, quella che è stata negli ultimi anni la specialità dove l’Italia ha raccolto meno risultati. In terra finlandese ci saranno cinque azzurre: Manuela Moelgg, Chiara Costazza, Irene Curtoni, Federica Sosio e Roberta Midali.

Manca all’appello tra le convocate il nome Federica Brignone, ancora alle prese con qualche problema fisico che non l’ha portata a partecipare neppure all’esordio a Soelden. La milanese è già da qualche stagione che si cimenta in slalom e sicuramente nel corso degli anni è cresciuta sempre di più una certa affinità con i pali stretti e i miglioramenti sono stati evidenti, portando Federica ad essere competitiva anche in combinata.

Proprio lo slalom è stato propedeutico per ottenere ottimi risultati in combinata, dove la milanese ha ottenuto una vittoria e soprattutto ha sfiorato la coppa di specialità, chiudendo al secondo posto. Quasi sicuramente in slalom non vedremo davvero mai la Brignone del gigante e nemmeno quella del superG, ma nella nuova prospettiva di una Federica competitiva per la classifica generale allora i punti in questa specialità potrebbe davvero cominciare ad essere importanti e a pesare.

Discorso un po’ diverso per Marta Bassino. La piemontese ha provato a cimentarsi in slalom, ma i risultati non sono stati assolutamente positivi. Cinque apparizioni tra i rapid gates e in nessuna di queste è arriva un qualificazione alla seconda manche. Difficile davvero ipotizzare che la rappresentante dell’Esercito possa nuovamente puntare su questa specialità, anche perchè sta provando ad essere competitiva in superG e addirittura in discesa. Certo resta sempre il fattore combinata e Bassino ha il talento per provare a fare qualcosa di buono anche in slalom.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Pier Colombo

WEB TV

One Reply to “Sci alpino, Coppa del Mondo 2017-2018: Brignone e Bassino, quando lo slalom può far vincere in combinata”

  1. Polonio ha detto:

    Una riflessione sulla Bassino

    “La piemontese ha provato a cimentarsi in slalom, ma i risultati non sono stati assolutamente positivi”. Vero, ma vediamo la cosa in modo più prospettico

    *fino al 2015 inoltrato la Bassino non si è mai dedicata allo slalom in modo sistematico… anzi, lo evitava proprio (per sua stessa ammissione)
    *solo con l’avvio del progetto polivalenza ha iniziato ad allenarsi con continuità…
    *…non certo per primeggiare in tempi brevi (sarebbe stata una follia), ma banalmente per conseguire una maggiore versatilità tecnica, utile anche per rendere meglio in gigante (tanto per dire)
    *In tal senso, è stato importante anche iniziare a fare gare… dove però – oltre al fatto di essere “novellina” – aveva pure lo svantaggio di partire con numeri improponibili (e nello slalom un buon bib è più importante che altrove)
    *Il fatto che non riuscisse ad arrivare alla top-30 è dunque più che comprensibile…
    *… ma non è un termine di paragone sempre valido: laddove Marta ha potuto sciare su una pista “passabile” (le seconde manche delle combinate) si è infatti difesa più che dignitosamente…
    *…e i tecnici (ivi compreso suo padre) hanno osservato i suoi progressi

    In definitiva, Marta non sarà mai come Shiffrin/Vhlova/Holdener… ma credo proprio che in slalom continueremo a vederla… e che farà progressi. Lo slalom può infatti portarle quei piazzamenti che, uniti a un suo consolidamento in velocità, la renderanno una candidata naturale alla Coppa generale. Il tempo è galantuomo e tutto mi induce ad avere fiducia nel percorso intrapreso.

Lascia un commento

scroll to top