MotoGP: la Yamaha di Valentino Rossi con il telaio 2016 in gara a Valencia. Una mossa emblematica del disastroso Mondiale 2017

Rossi-2-Valentino-FotoCattagni.jpg

Un 5° ed un 12° posto. E’ questo il responso dell’ultimo atto iridato del campionato di MotoGP per la Yamaha ufficiale di Valentino Rossi e Maverick Vinales. Una prestazione sconfortante quella della moto di Iwata se paragonata a quella del francese Johann Zarco che, in sella alla moto “vecchia” dello stesso marchio del Team Tech3, è stato in lizza fino all’ultimo giro per la vittoria del GP con Dani Pedrosa.

Nella giornata che ha incoronato Marc Marquez per la sesta volta iridato e la quarta sul tetto del mondo della classe regina, Rossi e soci debbono leccarsi le ferite e riflettere sugli errori commessi. Una moto che inizialmente andava fortissimo con Vinales, vincitore degli appuntamenti in Qatar, Argentina e Francia, finendo però per perdere la rotta. Colpa di Rossi che ha insistito nel cambiare una M1 sulla quale solo lui non si trovava a differenza del compagno di squadra?

Di fatto l’ultimo successo in stagione del team nipponico risale ad Assen (Olanda) quando fu il “Dottore” a prendersi un’altra laurea nell’Università del Motociclismo. Da quel momento tanti problemi con le gomme ed un ruolo da spettatore non pagante nella lotta tra la Honda e la Ducati. Una crisi tecnica senza fine che ha portato quest’oggi, nell’ultima gara, a rispolverare il telaio 2016. E’ proprio Valentino a rivelarlo ai media nel post gara: “E’ stata una mossa molto rischiosa, perché sinceramente avevamo capito che con la 2017 più o meno eravamo lì. Credo che anche con quella sarei arrivato lo stesso quinto, ma forse la gara di oggi ci potrà servire per capire delle cose importanti. Adesso è questo il nostro obiettivo principale, perché abbiamo poco tempo e tanti problemi”.

Una strategia che non ha avuto i risultati sperati visti i 13″ di gap da Zarco, con la M1 “stagionata”. Ma del resto i miracoli non si possono fare dall’oggi al domani e, secondo Rossi, questa è stata una prova comparativa per far capire ai tecnici nipponici in che modo intervenire.  E’ evidente: il filo del discorso è stato improvvisamente interrotto e la Yamaha ha l’obbligo di riprenderlo al più presto per essere nuovamente parte del gioco mondiale 2018 altrimenti il rischio di guadarsi sempre più dall’arrivo della Suzuki è piuttosto concreto.

 





 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top