Hockey ghiaccio, Euro Ice Hockey Challenge 2017: seconda sconfitta per l’Italia. Gli azzurri lottano ma perdono 5-2 con l’Ungheria

Italia-Kazakistan-hockey-su-ghiaccio-preolimpico-oslo-2016-foto-carola-semino-per-OA-2.jpg

Seconda partita e seconda sconfitta per l’Italia all’Euro Ice Hockey Challenge 2017, in programma a Budapest in Ungheria. Gli azzurri cedono negli ultimi sei minuti di gara al cospetto dei padroni di casa che segnano tre reti e vincono per 5-2. Il risultato rotondo però non deve non deve trarre in inganno, con il team italiano che ha giocato in alcuni momenti, specie nel secondo tempo, con molta maturità. Domenica alle 14:30 l’ultima gara del torneo contro la Polonia che a punteggio pieno, dopo due giornate, ha già intascato la vittoria di questo EIHC.

L’Italia si riconferma con la stessa formazione vista contro il Giappone. L’unica differenza la presenza di Gianluca Vallini in porta mentre Alex Frei e Alex Lambacher sono in pista nonostante qualche acciacco dovuto al primo incontro del torneo.

Il primo tempo è subito veloce con le squadre che giocano a viso aperto. È l’Italia a passare in vantaggio con la rete di Michele Marchetti che si libera in zona neutra e pattina verso la porta dove fulmina con uno slap basso sul secondo palo l’estremo Balisz (7’). Dopo poco però, l’Italia subisce un uno due simile a quello visto con il Giappone. Sul primo powerplay i magiari vanno in rete: Sebok riceve sul primo palo e apre in back spalle alla porta sull’altro lato dove sbuca Balint Magosi per il goal del pareggio (10’). Dopo altri 46 secondi azione travolgente che porta Andrew Saurer a tirare da posizione molto defilata e a superare Vallini.

Il secondo tempo si apre con la rete dopo appena 25 secondi di Luca Frigo. L’attaccante si libera dietro porta e poi mette in mezzo allo slot un disco per l’accorrente Goi ma l’estremo dei padroni di casa si trascina il disco in porta ed è pareggio. La formazione di coach Beddoes trova molta fiducia ed inizia a giocare con molta convinzione in una secondo tempo molto equilibrato. Tuttavia, gli azzurri non trovano la via della rete e si va al riposo sul 2-2.

Nella terza frazione continua a regnare l’equilibrio, ma al 54’ un turnover permette agli ungheresi una rapida azione dietro la porta azzurra. Balint Magosi firma la doppietta sfruttando un passaggio da dietro porta del solito Sebok. L’Italia a questo punto cerca la reazione, ma l’inerzia della gara è tutta per i padroni di casa che raddoppiano con la prodezza balistica di Kevin Wehrs. Poi nel finale il goal a porta vuota di Erdely che ruba il disco sulla blu e segna il definitivo 5:2. Domenica l’ultima gara per questo EIHC contro la Polonia.

Il tabellino

Ungheria – Italia 5:2 (2:1, 0:1, 3:0)

Marcatori: 07:04 (0:1) Michele Marchetti; 10:29 (1:1) Balint Magosi (Balas Sebok/Istvan Bartalis) in sup.num.; 11:15 (2:1) Andrew Sarauer (Tomas Robert Sarpatki/Csanad Erdely); 20:25 (2:2) Luca Frigo (Simon Kostner); 54:11 (3:2) Balint Magosi (Balazs Sebok/Krisztian Nagy); 58:12 (4:2) Kevin Wehrs (Balasz Sebok); 59:02 (5:2) Csanad Erdely a porta vuota;

Ungheria: Bence Balizs 60:00 (Miklos Rajna); Jesse Ray Dudas – Kevin Wehrs; Daniel Szabo – Bence Stipsicz; Arnold Varga – Daniel Kiss; Peter Garat – Zoltan Kovacs; Balazs Sebok -Balint Magosi – Krisztian Nagy; Csanad Erdely – Tamas Robert Sarpatki – Andrew Sarauer; Andras Benk – Peter Vincze – Istvan Bartalis; Keegan Dansereau – Janos Hari – Istvan Terbocs; Allenatore: Jarmo Tolvanen.

Italia: Gianluca Vallini 59:50 (Marco De Filippo); Luca Zanatta (capitano) – Armin Hofer; Jan Pavlu-Stefano Marchetti (ass. capitano); Daniel Glira – Alex Trivellato (ass. capitano); Roland Hofer-Michael Angelo Zanatta; Luca Frigo-Diego Kostner-Simon Kostner; Alex Frei-Tommaso Goi-Michele Marchetti; Tommaso Traversa-Raphael Andergassen-Viktor Schweitzer; Matthias Mantinger-Edoardo Caletti-Alex Lambacher; Allenatore: Clayton Beddoes.

andrea.voria@oasport.it

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Carola Semino

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top