Calcio, Mondiali Russia 2018: le favorite. Brasile, Argentina, Germania, Francia e Spagna. La vincitrice uscirà da qui?

neymar-calcio-brasile-rio-2016-foto-twitter-fifa-2-e1510664268892.jpg

The show must go on. Mai come stavolta. L’Italia ha mancato la qualificazione ai Mondiali di Russia del 2018 ma lo spettacolo va avanti. Assorbita la sorpresa, mentre a noi rimarrà il dolore di questa cocente delusione, il resto del Mondo andrà avanti. E soprattutto giocherà i Mondiali. Sarà una rassegna iridata ricca di fascino e magia, come ogni quattro anni, ma soprattutto equilibrata. Già, perché rispetto alle edizioni passate si fa fatica ad individuare una favorita che spicca sulle altre. Più facile, invece, indicare un lotto di squadre tra le quali è obbligatorio includere Brasile, Argentina, Germania, Francia e Spagna.

Le favorite dei Mondiali 2018: Brasile e Argentina. Storia, tradizione e tanto talento

Partiamo dalla due sudamericane. Per storia e tradizione sono per forza di cose tra le favorite per il titolo alla vigilia di ogni Mondiale. Solo quattro anni fa il Brasile si rendeva protagonista del più grande fracasso dai tempi del Maracanazo (1950), con quella dolorosissima sconfitta per 7-1 in semifinale contro la Germania nel Mondiale casalingo. Da allora sono successe molte cose. A cominciare dal biennio di Dunga, che ha portato a due fallimenti in due edizioni consecutive della Copa America, fino all’arrivo di Tite nell’estate del 2016.

Da lì sono arrivate nove vittorie consecutive, per un totale di 10 con 2 soli pareggi, nelle ultime partite, quando il pass per la Russia era già stato staccato con anticipo. Il Brasile sembra tornato quello che conosciamo: ha una stella che spicca sulle altre, Neymar, e tanti ottimi talenti protagonisti della scena in Europa (Gabriel Jesus, Coutinho, Firmino). Soprattutto, i verdeoro divertono.

Discorso diametralmente opposto per l’Argentina, che è stata una delle ultime a qualificarsi per la Russia. Se il Brasile ha una stella, l’Albiceleste ha forse il miglior giocatore del pianeta, Lionel Messi. Solo lui ha potuto evitare quello che all’Italia non è riuscito: l’Argentina era sotto nell’ultimo incontro contro l’Ecuador, ma tre perle della Pulce l’hanno portata in Russia. Archiviato il cammino di qualificazione, però, i valori si azzerano. La squadra allenata da Jorge Sampaoli sarà in prima fascia nel sorteggio e, per la quantità di talento che ha in rosa (Higuain, Icardi, Di Maria, Dybala per dirne alcuni), una delle favorite.

Le favorite dei Mondiali 2018: in Europa non si scappa da Germania, Francia e Spagna

Passando alle squadre europee è inevitabile partire dalla Germania. La Nazionale tedesca è la detentrice del titolo vinto quattro anni, quando mostrò al Mondo tutta la sua potenza. Un trionfo che ha rappresentato la ciliegina sulla torta di un sistema che funziona, che ha portato i teutonici a vincere anche a livello Under21 quest’estate.

La sconfitta nelle semifinali dell’Europeo dell’anno scorso, infatti, è stato solo un incidente di percorso perché la Germania si è rimessa subito in riga, dominando le qualificazioni ai Mondiali con 10 vittorie in altrettanti incontri, 43 gol realizzati e solo 4 subiti, e tornando in vetta al ranking FIFA. Alcuni interpreti sono cambiati rispetto al 2014 ma la voglia di vincere e l’ambizione dei tedeschi sono rimaste intatte.

Al Mondiale potrà dire la sua anche la Francia. Dopo i fallimenti recenti Didier Deschamps è riuscito a ridare dignità alla squadra transalpina, aiutato da una generazione di talenti che dopo aver vinto a livello giovanile promettono di dominare la scena anche tra i “grandi”, guidati da Paul Pogba, Kylian Mbappé e Antoine Griezmann. Agli Europei è mancata solo la vittoria, che i galletti cercheranno in Russia.

Al pari della Spagna, che dopo la delusione del Mondiale 2014 e l’eliminazione agli ottavi degli Europei 2016 vuole tornare protagonista. Le Furie Rosse sono infatti scivolate indietro nel ranking e nel sorteggio della fase a gironi saranno addirittura in seconda fascia, candidandosi al ruolo di vera e propria mina vagante. La filosofia di gioco ed il talento sono i soliti, quelli che l’hanno portata sul tetto del Mondo nel 2010, per cui è d’obbligo inserire la Spagna tra le favorite.

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo Twitter FIFA

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top