Atletica: inaugurata a Barletta la pista “Pietro Mennea”. Presente anche Giovanni Malagò

Atletica-Mennea-530x342.jpg

E’ stata inaugurata oggi, nello Stadio “Cosimo Puttilli” di Barletta, la nuova pista di atletica che è stata dedicata a Pietro Mennea, proprio nella sua città nativa. Davvero tantissimi rappresentanti dello sport italiano erano presenti in Puglia per l’evento, a partire dal Ministro per lo Sport Luca Lotti, passando per il presidente del CONI Giovanni Malagò.

Proprio il Presidente ha scoperto la stele dedicata all’olimpionico di Mosca 1980 nei 200 metri. “Credo che lo sport si faccia sul territorio e questa pista è rientrata in quei provvedimenti straordinari per i territori che adottammo con ‘Sport e Periferie’, che riguardarono anche le zone terremotate. Questo è un luogo simbolo per far rinascere lo sport valorizzando il ricordo e gli insegnamenti che ci ha lasciato in dote un gigante del nostro mondo come Pietro Menna: c’era un dovere simbolico e morale fondamentale, per questo oggi è un giorno di festa. Credo che i lavori siano stati fatti bene e nei tempi, rispettando i costi. Un segnale che ci rende fieri”.

Parole davvero sentite anche quello del Ministro Lotti: “E’ un bel giorno perché questa infrastruttura sportiva era una di quelle che volevamo lanciare con il bando periferie e finalmente siamo al giorno dell’inaugurazione. Abbiamo rinnovato il bando con ulteriori 100 mln perché crediamo che le infrastrutture sportive siano un pezzo fondamentale del racconto dello sport in questo Paese. Per tanti anni non si è investito nelle infrastrutture sportive, in due anni abbiamo  messo 200 mln di euro e se si pensa che negli ultimi dieci anni avevamo messo meno del 10% credo che questa sia una notizia importante e oggi la festeggiamo con questo bel sole a Barletta”.

E’ intervenuta anche Emanuela Olivieri, la vedova di Mennea: “Pietro non l’ho mai visto correre dal vivo su questa pista, ma nei filmati sì e con il suo commento, e oggi è una grande emozione perché ricordo quel filmato del 1980 quando conseguì il record del mondo, tornava dai Giochi Olimpici di Mosca e tutta la città gli si stringeva attorno. Ho ancora le parole di Pietro nelle orecchie, quando mi raccontava le sue emozioni, le sue considerazioni e le percezioni di quando veniva a Barletta e di quella gara e del record dei 200 metri sul livello del mare. Per me è emozionante, anche perché ogni angolo qui mi ricorda la sua presenza”.

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top