Atletica, Fiona May: “Da 15 anni diciamo sempre le stesse cose. Gli atleti sorridono, io mi vergognerei”

Fiona-May.jpg

E’ durissima la presa di posizione di Fiona May nei confronti dell’atletica azzurra. La bi-campionessa del mondo del salto in lungo, in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, ha attaccato un sistema che, da anni, produce fallimenti a ripetizione: “L’atletica italiana ha toccato davvero il fondo. Una volta facevamo la corsa su Francia e Polonia, oggi non le vediamo più e siamo sistematicamente superati dall’Olanda e ora perfino dal Belgio. Mi piange il cuore, ma da quanto tempo ci diciamo sempre le stesse, identiche cose? Dieci anni? No, forse addirittura 15…Il sistema è sbagliato, profondamente sbagliato. Non bastano correttivi, serve ripartire da zero. Se non cogliamo l’occasione nemmeno a questo giro, staremo sempre qui a sperare nell’exploit del Tamberi o della Palmisano di turno. Ho letto quello che ha detto Gibilisco, concordo soprattutto su un punto: la Federazione si riappropri dei centri di preparazione olimpica, che una volta rappresentavano l’eccellenza italiana“.

La fuoriclasse azzurra ha poi rincarato la dose, rivolgendosi direttamente ad alcuni atleti: “Ma perché dobbiamo consentire ad atleti che puntualmente si rivelano mediocri di allenarsi dove vogliono? E’ ora di finirla con questo atteggiamento, per diventare campioni bisogna essere disposti a fare i sacrifici che ho fatto io o che oggi vedo fare a mia figlia Larissa, altrimenti si sta a casa a fare altro e si lascia il posto a chi ha voglia di arrivare. Ci vuole più grinta, in pista bisogna mettere anche un po’ di palle. quelle che ha avuto Tamberi di presentarsi nonostante l’infortunio, ma è stato l’unico. Me la prendo con gli atleti che vanno ai Mondiali e sono soddisfatti di aver superato un turno, arrivano alle interviste tutti sorridenti. E’ incredibile, io al loro posto mi vergognerei! Ma l’errore è di chi li fa andare ai Mondiali…“.




La ricetta di Fiona May è piuttosto semplice: “Hai talento per emergere? Ti seguo e ti sostengo, investo su di te. Non ce l’hai e nel passaggio da giovane a senior non migliori? Arrivederci e grazie. Se concentriamo le risorse sui migliori giovani che abbiamo, forse li aiuteremo a diventare dei campioni. E’ così difficile da capire? O forse vogliamo continuare ad investire sui quarantenni che al massimo con un miracolo ottengono una finale? Siamo usciti dagli Europei Under23 con tre ori ed otto medaglie complessive: ora, per favore, ripartiamo da questi ragazzi e facciamone degli atleti completi in grado di competere a Tokyo 2020“.

Insomma, un vero e proprio grido di dolore da parte di un totem dell’atletica tricolore. Uno sfogo condivisibile in ogni suo punto. Resta il timore che sia destinato a cadere nel vuoto…

federico.militello@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 

Tag

One thought on “Atletica, Fiona May: “Da 15 anni diciamo sempre le stesse cose. Gli atleti sorridono, io mi vergognerei””

  1. Georg scrive:

    Fiona May ha perfettamente ragione, il sistema Italia continua a trascinare avanti atleti di livello basso e mediocre. Puntare su meno atleti (e meno propaganda) e di altissimo livello, concentrarsi su di loro con staff tecnici all’altezza e di numero adeguato. Gli altri fuori, si punti alle Medaglie come fanno gli altri.
    Concordo anche sull’avere un controllo diretto sugli atleti e non lasciarli allenarsi dove vogliono e con chi vogliono, che nella stragrande maggioranza dei casi significa dove si fa meno fatica e non dove si lavora con più efficacia. I gruppo sportivi militari sono intasati di gente mediocre che non svolge programmi adeguati e vive a casa propria in licenza sportiva con tante complicità: questi sono stipendi, risorse sprecate. si ponga il limite dei primi dieci o otto posti al Mondiale oppure fuori. Niente scuse.

Lascia un commento

Top