Tuffi, Mondiali Budapest 2017: anche Bertocchi per il podio da 1 metro. Vola Keeney, fuori Chang

Bravo Giovanni Tocci in mattinata (terzo), altrettanto brava Elena Bertocchi nel pomeriggio. Anche la 22enne milanese vola in una finale mondiale individuale per la prima volta in carriera: la campionessa europea da 1 metro è quarta con 263.05 punti. E domani alle 16 (diretta tv su Rai Due ed Eurosport) troverà una sola cinese, perché la classe 2001 Yani Chang sporca due tuffi ed è la seconda delle escluse.

La scelta della squadra asiatica di far gareggiare due esordienti potrebbe non pagare: anche quella qualificata, Chen Yiwen (1999), non sembra in grado di dominare come varie connazionali in passato, pur chiudendo seconda a quota 277.20. E’ anche vero che il metro è la gara femminile che negli ultimi anni ha parlato meno cinese di tutte: tre successi in nove edizioni, con l’ultimo smacco firmato da Tania Cagnotto nel 2015.

E allora ecco che si apre spazio proprio per Elena Bertocchi, che può migliorare soprattutto nella prima e nella quarta rotazione avvicinando i 280 punti, e per Maddison Keeney, al momento al comando. Classe 1996, l’australiana raggiunge quota 283.80 con quattro tuffi a coefficiente “maschile” e senza errori può volare verso punteggi record. Per il podio ci sono anche la malese Jun Hoong Cheong (terza, 272.75) e la tedesca Tina Punzel (quinta, 261.90).

Eliminata invece la 14enne Chiara Pellacani, alla sua prima gara mondiale dopo l’ottimo esordio all’Europeo di Kiev (decima in finale). Due errori la relegano al 31° posto con 216.15 punti, ma avrà comunque un gran futuro: dopo la prima serie era seconda e continua a farsi conoscere.

 I RISULTATI COMPLETI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto: Renzo Brico

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
nicolo
nicolo
4 anni fa

per caso riuscite a caricare i video delle gare preliminari?

LIVE Tuffi, Mondiali Budapest 2017 in DIRETTA: Bertocchi in finale da quarta, Pellacani out, la Cina perde Chang. Super Tocci: finale con il terzo punteggio!

Tour de France 2017: le pagelle della tredicesima tappa. Finalmente Barguil, Aru si difende benissimo