Nuoto di fondo, Mondiali Budapest 2017: trionfa Ashley Twichell nella 5km, Muller e Cunha completano il podio. Giulia Gabbrielleschi sesta


Ci pensa l’americana Ashley Twichell ad interrompere l’egemonia di Aurelie Muller in questo Mondiale. La nuotatrice degli Usa ha infatti conquistato la medaglia d’oro nella 5km di nuoto di fondo sul lago Balaton, impostando una gara molto intelligente e riuscendo a fare la differenza nel finale con il crono di 59:07.00. In seconda posizione la francese Muller, stavolta costretta ad accontentarsi della piazza d’onore a 3.50 dalla vetta mentre per il terzo gradino del podio il duello allo sprint tra la brasiliana Ana Marcela Cunha e l’olandese Sharon Van Rouwendaal, campionessa olimpica della 10km di Rio 2016, ha premiato la sudamericana.

Sesta posizione finale per la prima delle azzurre, Giulia Gabbrielleschi, a cui sono mancate le forze nell’ultima parte per stare con le più forti. Più indietro (12esima), Martina Rita Caramignoli, alla prima vera gara in ambito internazionale in questa specialità, che ha risentito di un inizio non incoraggiante. 

Pronti, via ed è l’americana Haley Anderson, Campionessa del Mondo, a tirare le fila davanti alle favorite della vigilia Muller e Van Rouwendaal. Bene la nostra Gabbrielleschi, presente nella top5, in scia dell’olandese mentre anonima fin dalle prima bracciate la Caramignoli, forse un po’ spaesata su una distanza che ancora non può essere sua. Dopo circa 20′ di gara ci prova la campionessa del mondo della 10km a forzare i tempi andando via ma le americane non ci stanno ed è la Twichell a chiudere il buco. Un gioco di squadra stelle e strisce che consente al gruppo di riprendere la fuggitiva.

L’aumento deciso di ritmo della francese crea selezione ed al passaggio dei 2.5 km c’è sempre la Muller a condurre le danze: 11 atlete al comando con la nostra Gabbrielleschi, molto ben presente, mentre l’altra azzurra Caramignoli cerca una reazione ma la distanza dalle prime è ormai di una quarantina di secondi.

Finale molto concitato con la Twichell che cambia il passo rispetto alla transalpina ed alla campionessa a Cinque Cerchi della 10km di Rio. La nostra Giulia fa fatica a tenere l’improvvisa accelerazione di cui beneficiano sia la Van Rouwendaal, la brasiliana Cunha e l’altra americana Anderson. La statunitense fa il vuoto negli ultimi 300 metri mentre la Muller, improvvisamente, deve guardarsi dall’olandese e della verdeoro. Si stacca inesorabilmente la Gabbrielleschi. Trionfa quindi la nuotatrice americana davanti ad una francese molto determinata ed alla Cunha che brucia allo sprint l’orange. Sesta piazza invece per la toscana mentre la Caramignoli, in rimonta, giunge 12esima.

ORDINE D’ARRIVO 5Km femminile

Rank Family name First name Country Time Time Behind
1 TWICHELL Ashley United States of America USA 59:07.00
2 MULLER Aurelie France FRA 59:10.50 03.50
3 CUNHA Ana Marcela Brazil BRA 59:11.40 04.40
4 van ROUWENDAAL Sharon Netherlands NED 59:11.50 04.50
5 ANDERSON Haley United States of America USA 59:26.20 19.20
6 GABBRIELLESCHI Giulia Italy ITA 59:26.40 19.40
7 WEBER Michelle South Africa RSA 59:27.50 20.50
7 MELVERTON Kiah Australia AUS 59:27.50 20.50
9 ARAOUZOU Kalliopi Greece GRE 59:28.00 21.00
10 LEE Kareena Australia AUS 59:28.90 21.90
11 WUNRAM Finnia Germany GER 59:32.10 25.10
12 CARAMIGNOLI Martina Rita Italy ITA 1:00:48.30 01:41.30
13 RUIZ Paula Spain ESP 1:00:49.10 01:42.10
14 ERMAKOVA Valeriia Russian Federation RUS 1:00:51.90 01:44.90
15 AREVALO Samantha Ecuador ECU 1:00:52.90 01:45.90
16 NIIKURA Minami Japan JPN 1:00:55.00 01:48.00
17 LEI Shan People's Republic of China CHN 1:00:57.10 01:50.10
18 PERSE Spela Slovenia SLO 1:01:12.30 02:05.30
19 MARIA Angelica Portugal POR 1:01:13.30 02:06.30
20 LORSCHEITTER Betina Brazil BRA 1:01:14.10 02:07.10
MORIYAMA Yukimi Japan JPN

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da profilo twitter Stefano Rubaudo

Lascia un commento

scroll to top