Basket, Mondiali Under19 2017: ITALIA, GRAZIE LO STESSO! Il Canada è troppo forte ed è Campione del Mondo. Gli azzurri chiudono con un argento ricco di soddisfazione

Italia-Under19-Basket-Twitter-FIP-1-e1499632403784.jpg

Finisce con una medaglia d’argento ricca di soddisfazione il sogno dell’Italia ai Mondiali Under 19 2017 di basket. La finale giocata a Il Cairo (Egitto) è stata senza storia: troppo forte e dominante il Canada, che ha impresso il suo marchio alla partita sin dall’avvio, senza più voltarsi indietro. Il risultato finale fa male (60-79) così come vedere gli Azzurrini in lacrime: smaltita la delusione però, questi ragazzi possono soltanto sentirsi orgogliosi di quanto fatto. È un argento vinto, meritato e di valore, non un oro perso, ritornando in Finale dopo 26 anni d’assenza. La squadra di Andrea Capobianco ci ha provato, ma il Canada si è rivelato davvero di un altro pianeta.

L’inizio di partita somiglia molto a quello di ieri: l’Italia è imprecisa al tiro e soffre tanto a rimbalzo difensivo. Il Canada trova seconde ed anche terze chances in attacco: nel primo quarto i nostri avversari trovano ben 18 rimbalzi, 8 dei quali in attacco, ovvero l’intera produzione dell’Italia. A segnare poi, ci pensa RJ Barrett, autore di 7 punti nel primo quarto, così come Wigginton. Gli Azzurri provano a scuotersi, dopo il pessimo avvio, con le triple di Penna e Visconti, ma dopo 10 minuti il risultato è 10-24. Nel secondo periodo è Denegri che prova a tenere l’Italia a contatto: il Canada però ha risorse infinite. I nordamericani sono lunghi e atletici e riescono a correre senza problemi da una parte all’altra. Un esempio è Kigab, che realizza 7 punti nei secondi dieci minuti. L’Italia ci prova con il cuore e con le giocate di Oxilia, Okeke e Bucarelli. All’intervallo siamo 36-51.

La pausa lunga non cambia il copione dell’incontro. Il Canada non è precisissimo al tiro ma domina in area e trova con facilità tanti punti dopo il rimbalzo offensivo. Barrett torna a scatenarsi: nonostante la giovane età (17 anni) è già molto maturo cestisticamente parlando. Prende il rimbalzo, conduce il contropiede e conclude da solo l’azione. Non è un caso se è già considerato la prima scelta del Draft NBA del 2019. Non è un caso se è l’MVP del torneo. L’Italia vorrebbe spingere in contropiede ma ne ha raramente la possibilità, visto che i canadesi sono bravi a coprire il campo in pochi secondi.

Il distacco oscilla sempre intorno ai venti punti e la partita è segnata. Solo nel periodo finale gli Azzurri riescono a rendere il passivo meno pesante, complice un calo psicologico del Canada quando vede lo striscione del traguardo vicino. Capobianco concede minuti a tutti: come detto, l’incontro si conclude con un 60-79 pesante, ma questi ragazzi devono essere orgogliosi del loro cammino. La delusione passerà e rimarrà la soddisfazione di un argento vinto. Ad ulteriore conferma dell’ottimo torneo degli italiani, Tommaso Oxilia e Lorenzo Bucarelli sono stati inseriti nel miglior quintetto della competizione.

 

Il tabellino

Italia – Canada 60-79 (10-24, 26-27, 12-18, 12-10)

Italia: Penna 12, Simioni, Caruso 4, Pajola 2, Visconti 3, Denegri 8, Bucarelli 5, Mezzanotte, Massone, Okeke 14, Antelli, Oxilia 12

Canada: Henry, Wigginton 11, Barrett 18, Djuricic 3, Darling 12, Kirkwood 3, Shephard 6, Bamba 6, Miller, Oduro 8, Kigab 12, Longpre

 

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: pagina Twitter FIP

Lascia un commento

Top