Tuffi, Europei Kiev 2017: finalmente Batki-Verzotto! Bronzo nel sincro misto 10 metri

Mix_10m_platform-podium_KV13844.jpg

Noemi Batki e Maicol Verzotto bronzo nel sincro misto 10 metri. Foto da: Giorgio Scala/Deepbluemedia/Insidefoto/comunicato Len


L’uomo del sincro e (forse) la donna del sincro. Uniti in passato da Tania Cagnotto, adesso dalla piattaforma, in futuro – chissà – dalle ambizioni. Maicol Verzotto e Noemi Batki sono bronzo europeo nel sincro misto da 10 metri. Seconda medaglia a Kiev per lui dopo l’oro da 3 metri con Elena Bertocchi, prima per lei, quarta da 10 metri con Chiara Pellacani e saggia nel non disputare la gara individuale. Verzotto con Tania aveva vinto un bronzo mondiale e un argento europeo, Batki il bronzo continentale nel lontano 2008. E ora che la bolzanina commenta in tv su RaiSport, loro festeggiano e si abbracciano per quella medaglia sfumata due anni fa ai Mondiali (sesto posto) e l’anno scorso agli Europei (quarto).

Il livello era molto alto, con medagliati olimpici e vincitori europei – le parole del 28enne Verzotto alla Len –. Volevamo fare un bel lavoro, una bella gara. Penso che ce l’abbiamo fatta. Abbiamo fatto qualche errore, ma abbiamo vinto una medaglia dopo tre anni di lavoro insieme“. Batki, 29 anni, aggiunge: “Abbiamo commesso un errore a testa, e su questo dobbiamo lavorare per il futuro. Comunque la cosa più importante era il sincronismo ed è andato bene. Quasi 300 punti con errori? Vuol dire che tra un mese, ai Mondiali di Budapest, possiamo fare ancora meglio. Lavoriamo su questo“.

Maicol quest’anno è stato bravissimo e dopo la morte del padre si è rimesso in gioco. Si è dedicato solo al sincro lasciando la gara individuale e lo ha fatto con grande impegno e costanza – il plauso del tecnico federale responsabile Oscar Bertone al sito della Federnuoto -. E’ stato nominato all’unanimità capitano della squadra. Anche Noemi si è dedicata alle gare sincro con molta scrupolosità. Sono certo che questa medaglia la aiuterà a credere maggiormente nelle sue possibilità“.

Gara equilibrata e tesissima quella da 10 metri. Con 97.80 punti dopo gli obbligatori Verzotto e Batki sono secondi alle spalle della Russia, che però perde terreno con il primo libero a causa di un triplo e mezzo avanti abbondante di Yulia Timoshinina. A due tuffi dalle fine l’Italia è prima. Poi la triestina sporca il triplo e mezzo ritornato, le coppie rivali reagiscono e prima dell’ultima rotazione gli azzurri sono terzi con sette punti da difendere sulla Russia quarta.

Alla fine la classifica premia i britannici Lois Toulson (già campionessa individuale) e Matthew Lee, con 308.16 punti. Timoshinina e Viktor Minibaev, non l’ultimo arrivato, chiudono alla grande: argento con 300.30. Sono gli ucraini a commettere la leggerezza fatale: quarto posto per Valeriia Liulko e Maksym Dolgov con 297.60. Noemi Batki e Maicol Verzotto ottengono dunque il podio tanto atteso: 299.58. Cinque punti in meno rispetto all’anno scorso, ma tra un quarto e un terzo posto c’è una bella differenza. Una medaglia.

Risultati finale sincro misto 10 metri
1. Gran Bretagna 308.16
2. Russia 300.30
3. Italia 299.58

I RISULTATI COMPLETI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: DeepBlueMedia/comunicato Len

Lascia un commento

scroll to top