Tour de France 2017: quale obiettivo per Rigoberto Uran dopo tanti anni al Giro d’Italia?

Valverde-Cometto-Boschetti.jpg

Rigoberto Uran, al Tour de France, non ha mai trovato grandi gioie: mai tra i primi 20 nelle tre partecipazioni passate e nessuna vittoria di tappa. Quest’anno il colombiano ha deciso di focalizzare l’intera stagione sulla Grande Boucle: come si presenterà in Francia?

Al momento, non può essere inserito nella rosa dei favoriti per il successo finale. Il 30enne della Cannondale Drapac non conquista un successo ormai dal settembre del 2015, un lasso di tempo lunghissimo in cui si è visto poco nelle zone nobili delle classifiche. Nell’ultimo grande giro disputato con velleità di classifica ha faticato molto, trovando il colpo di pedale giusto solo nell’ultima settimana. Si tratta del Giro d’Italia 2016 e da quel momento ha raccolto solo un paio di piazzamento tra Milano-Torino e Giro di Lombardia di rilievo per un corridore del suo calibro.

Molto difficile, a questo punto, prevedere dove possa arrivare al Tour. In questo 2017 non ha mai brillato e l’avvicinamento passando dal Giro di Slovenia non ci aiuta a valutarlo con altri corridori che hanno gli stessi obiettivi. L’assenza quasi totale di cronometro, inoltre, potrebbe essere uno svantaggio per lui che rispetto a tutti gli altri scalatori si difende meglio nelle prove contro il tempo. Auspicabile, per lui, una top 10 che potrebbe anche dirci sul suo futuro dopo un paio d’anni in cui non si è quasi mai espresso ad alti livelli.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Foto: Cometto Boschetti

Tag

Lascia un commento

Top