Tour de France 2017, nona tappa: Nantua – Chambéry, il Mont du Chat può fare male

Schermata-2017-06-16-alle-03.43.04.png

Il Tour de France 2017 viaggia rapidamente verso il giro di boa e il primo giorno di riposo. Di seguito vi presentiamo la nona tappa: 181 chilometri con partenza da Nantua e arrivo a Chambery che potrebbero risultare decisivi anche ai fini della classifica generale.

Partenza in salita con la Côte des Neyrolles, 3 chilometri al 7% che potrebbero favorire la formazione della fuga di giornata. Dopo lo scollinamento neanche il tempo di respirare prima di affrontare il Col de Bérentin (4 chilometri al 6%). In vetta i corridori avranno percorso 11 chilometri, di cui 7 in salita coprendo un dislivello di 550 metri. Dopo la vetta breve falsopiano, discesa e poi Côte de Franclens, due chilometri e 400 metri al 6% che anticipano il Col de la Biche. Su questi 10 chilometri e mezzo al 9% il gruppo potrebbe sfaldarsi: importante valutare il numero di compagni rimasti con i big della classifica. La discesa porta direttamente ai piedi del Grand Colombier, 8,5 chilometri con una pendenza media del 9,9%. Immaginare il plotone principale ridotto a 15 unità non è utopico. Dopo la discesa ci sarà un lungo tratto di pianura (circa 20 chilometri). Successivamente Côte de Jongieux (4 chilometri al 4%) e sopratutto Mont du Chat, l’ultima ascesa di giornata.

Quasi 9 chilometri oltre il 10% di pendenza: il primo chilometro è il più facile, poi la pendenza sostanzialmente si mantiene sempre in doppia cifra con punte al 14 e il 15%: spazio per attaccare avversari stanchi ce n’è in abbondanza, molto dipenderà dai corridori. Da non sottovalutare anche la discesa tecnica successiva, di 13 chilometri. Al termine della picchiata, altri 13 chilometri agevoli condurranno al traguardo. In questa tappa potrebbero emergere i veri valori del Tour de France 2017.

TUTTE LE TAPPE

 

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Lascia un commento

Top