Volley femminile, Qualificazioni Mondiali 2018 – L’Italia parte alla grande: 3-0 rapido alla Bosnia, Folie ed Egonu sugli scudi

L’Italia ha iniziato nel miglior modo possibile il torneo di qualificazione ai Mondiali 2018 di volley femminile. A Courtrai (Belgio) le azzurre hanno asfaltato la Bosnia Erzegovina con un sonoro 3-0 (25-12; 25-12; 25-13) in appena 63 minuti di gioco, facendo saltare fuori la grande differenza tecnica tra le due formazioni.

Le ragazze di Davide Mazzanti, alla prima panchina in un incontro ufficiale con la Nazionale dopo le due amichevoli giocate contro l’Olanda, si sono ben mosse in campo non facendosi trovare impreparate contro un avversario che non poteva darci problemi.

 

Il sestetto titolare è quello già visto contro le oranjes nel weekend, con l’unica eccezione di Cristina Chirichella, capitana schierata in campo fin dalle prime battute. Ofelia Malinov in cabina di regia (superata Alessia Orro nelle gerarchie), Paola Egonu opposto, le sorelle Lucia e Caterina Bosetti di banda, al centro Cristina Chirichella e Raphaela Folie, Monica De Gennaro il libero.

Prestazione sopra le righe della Folie, autrice di 15 punti (6 muri), bene anche la sua compagna di reparto (11, 4 stampatone). Scatenata Paola Egonu al servizio (5 aces ma solo 11 punti totali con il 25% in attacco), doppia cifra anche per Lucia Bosetti (11, 43%), 8 marcature per Caterina. Tra le fila delle slave non sono bastate l’annunciata Edina Begic (4), Verica Simic (6) e Ajila Paradzik (5).

 

Nel pomeriggio il Belgio aveva sconfitto la Lettonia con un netto 3-0: le Yellow Tigers sono l’avversario diretto dell’Italia per il pass iridato (tutto si deciderà con buona probabilità nello scontro diretto di domenica sera). La Bielorussia aveva invece sorpreso la Spagna (3-0).

 

CLASSIFICA POOL D:

Italia 1 vittoria (3 punti), Belgio 1 vittoria (3 punti), Bielorussia 1 vittoria (3 punti), Spagna 0 vittorie (0 punti), Lettonia 0 vittorie (0 punti), Bosnia Erzegovina 0 vittorie (0 punti).

La prima si qualifica ai Mondiali 2018, la seconda disputerà un torneo di ripescaggio che assegnerà 2 posti.

 

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Juventus-Real Madrid, Finale Champions League 2017: numeri, statistiche e curiosità

Tennistavolo, Mondiali Dusseldorf 2017: termina la spedizione azzurra. Bobocica perde contro il campione olimpico Ma Long. Rech Daldosso si fa rimontare