Volley, Champions League – Ottavi di finale: Civitanova e Modena alla prova Polonia! Trento e Piacenza, derby di CEV Cup

Civitanova-volley-2016.jpg

Dentro o fuori, ora si fa tremendamente sul serio. Inizia la fase ad eliminazione diretta della Champions League 2016/2017 di volley maschile. Questa sera Civitanova e Modena scenderanno in campo per i match d’andata degli ottavi di finale, entrambe impegnate in Polonia.

Perugia, invece, starà comodamente a casa visto che è già certa della qualificazione alla Final Four che organizzerà a Roma il 29-30 aprile. Se entrambe le squadre italiane dovessero passare il turno si affronteranno allora ai quarti di finale e la vincente se la dovrà vedere proprio contro i Block Devils al PalaLottomatica.

 

La Lube sfiderà il PGE Skra Belchatow nella fornace dell’Atlas Arena di Lodz (ore 18.00): 10mila spettatori infuocati sugli spalti pronti a trascinare la corazzata di Bartosz Kurek, micidiale opposto che può fare molto male alla banda guidata da Chicco Blengini. Il braccio del fuoriclasse polacco sarà alimentato da Nicolas Uriarte, in squadra ci sono altre stelle come Winiarski, Wlazly, Lisinac.

Sarà una partita molto difficile per i lanciatissimi biancorossi, imbattuti da inizio dicembre (escluso il ko di Molfetta all’ultima giornata di regular season) e capaci di infliggere una sonora lezione a Vibo Valentia nei quarti di finale dei Playoff Scudetto. Servirà la grande partita da delle due stelle Osmany Juantorena e Tsvetan Sokolov, serviti da Micah Christenson. Jiri Kovar l’altro schiacciatore, Jenia Grebennikov il libero, al centro Dragan Stankovic e Candellaro.

 

Il PGE Skra Belchatow è stato asfaltato da Modena nella fase a gironi, proprio come l’Asseco Resovia è stato demolito da Civitanova. E questa volta saranno proprio i Campioni d’Italia a volare nella tana del Podpromie (ore 20.30) per affrontare la solida formazione seconda in campionato che ha in rosa stelle del calibro di Drzyzga, Schmitt, Perrin e Nowakoski. I Canarini sembrano essersi ripresi da un periodo sottotono qualificandosi alle semifinali dei playoff scudetto e ora vorranno farsi strada anche nel tabellone della Champions League.

L’ultimo precedente di Modena a Resovia è dolcissimo: nel 2008 si imposero davanti alla bolgia polacca nella semifinale della Challenge Cup, involandosi poi verso l’ultimo grande trionfo continentale. Dalla squadra di Giani a quella di Tubertini che avrà dalla sua la stella Earvin Ngapeth, Luca Vettori che si sta riprendendo, la regia di un motivatissimo Dragan Travica, i muri di Max Holt e Kevin Le Roux, il libero Salvatore Rossini.

 

Non solo Champions League ma anche CEV Cup con il ritorno dei quarti di finale. È ora di derby tra Trento e Piacenza dopo il 3-0 rifilato dai dolomitici ai biancorossi nel match d’andata. Al PalaBanca non c’è mai stata storia e questa sera (ore 20.30) i ragazzi di Lorenzetti dovranno conquistare solo due set per passare il turno mentre agli uomini di Giuliani serve un’impresa autentica: imporsi per 3-0 o 3-1 e poi vincere anche il golden set.

Per quanto visto nelle ultime due settimane non sembra davvero esserci storia: i vicecampioni d’Europa sono galvanizzati dal facile accesso nelle semifinali scudetto, gli emiliani sono frastornati dal doppio 3-0 subito contro Perugia e sembrano non potersi rialzarsi. Hernandez non si sta esprimendo ai migliori livelli, Marshall fatica a tornare quello dei tempi migliori, Hierrezuelo sta pagando l’infortunio del PalaEvangelisti mentre dall’altra parte della rete la regia di Giannelli, la verve di capitan Lanza, le bordate di Stokr sono davvero al top e pregustano la semifinale probabilmente contro il Fenerbahce.

 

Al femminile, invece, Busto Arsizio e Casalmaggiore vedono il derby di semifinale in CEV Cup ma dovranno essere brave a chiudere i conti in casa rispettivamente contro il Linamar Bekescsabai Rse e l’Allianz MTV Stuttgart. Le Farfalle ripartiranno dal 3-1 dell’andata contro le ungheresi: basteranno due set per eliminare la buona squadra di Szakmary, Clement e Smirnova per passare il turno. Le Campionesse d’Europa, invece, dovranno fare tesoro del 3-2 dell’andata: serve vincere la partita oppure imporsi al golden set dopo aver perso al tie-break. Le ragazze di Caprara, nonostante l’assenza dell’opposto Fabris, sembrano essere tornate vive e se la dovranno vedere contro Mlejnkova e compagne: tutti i favori sono per la formazione in rosa ma guai a sottovalutare la multietnica squadra teutonica.

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top