Tirreno-Adriatico 2017: quinta tappa con arrivo a Civitanova Marche adatta a colpi di mano. Sagan per il tris?

tirreno-adriatico-2017-stage-6-14861374111.jpg

Quinta tappa per la Tirreno-Adriatico: partenza da Ascoli Piceno e arrivo a Civitanova Marche dopo 159 chilometri. Frazione non del tutto scontata e adatta a diversi scenari: chi riuscirà a trionfare?

IL PERCORSO

La tappa in linea più breve e probabilmente anche più facile nella sua interezza. Sopratutto negli ultimi 50 chilometri ci sarà spazio per le squadre dei velocisti, che però dovranno superare indenni lo strappo di Civitanova Alta, oltre due chilometri (con una breve discesa a tre quarti) che presentano pendenze fino all’8%, ma con una media del 5. Sprint da conquistare, ma non vanno esclusi colpi di mano.

I FAVORITI

Altra frazione, come tante, ideale per la classe di Peter Sagan. Il campione del mondo della Bora-Hansgrohe può andare a caccia di un favoloso tris, ma dovrà essere aiutato al meglio dalla squadra. Si riproporrà il duello con Greg Van Avermaet che è mancato fino ad ora? Da capire le intenzioni in casa Quick Step Floors: si proverà ad anticipare con Zdenek Stybar o si punterà tutto sulla volata di Fernando Gaviria? Comunque una frazione che può dare informazioni importanti in vista della prossima Milano-Sanremo.

GLI ITALIANI

In casa Quick Step Floors ci sarebbe anche Matteo Trentin, che però molto probabilmente sarà costretto ad un compito da gregario, nonostante un’altimetria adattissima alle sue caratteristiche. Fabio Felline ieri si è mosso in anticipo, non dimostrando però una condizione super. Francesco Gavazzi può provarci per un piazzamento importante, magari a ridosso del podio. Difficile invece che Elia Viviani riesca a tenere in chiave volata, ma, nel caso, potrebbe gettarsi nella mischia.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top