Superbike, Round Thailandia 2017 – Marco Melandri: “Non avevo il passo per stare con Rea”

Melandri-Ducati.jpg

La gara-2 disputata da Marco Melandri si è rivelata, a conti fatti, una fotocopia rispetto a quanto visto nella prima manche di ieri. Il ravennate di Ducati, dopo un buono start, ha provato a rimanere con Jonathan Rea nei primi passaggi della corsa, perdendo progressivamente terreno e dovendo più che altro pensare a rintuzzare l’attacco del rivale più diretto alle sue spalle. Come in gara-1, Melandri ha subito il sorpasso da Tom Sykes all’ultima curva dell’ultimo giro, perdendo la seconda posizione ma questa volta non il podio, anche grazie all’auto-eliminazione di Chaz Davies, suo compagno di squadra, caduto nelle primissime fasi proprio in un tentativo di attacco su Marco.

Questa l’analisi di Melandri sulla sua gara: “Ho provato a seguire Rea nei primi giri, ma ho capito quasi subito che non avevo il passo per poterlo fare. Come già accaduto ieri, anche oggi ho patito dei problemi ai freni, che spesso e volentieri dovevo regolare nel corso della gara. Per questo motivo, come accaduto in gara-1, Sykes ha avuto vita facile a superarmi in quel punto della pista, dove serve staccare forte“. Nonostante il rammarico per aver perso in extremis due volte posizioni e punti ancora più importanti, Melandri può uscire con il sorriso dal fine settimana asiatico: “Essere sul podio è comunque una sensazione fantastica. Ringrazio il team, la mia famiglia e tutti i tifosi della Superbike“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter ufficiale Ducati

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top