Parigi-Nizza 2017: Sam Bennett batte i big dello sprint e vince la terza tappa!

Vittoria per l’irlandese Sam Bennett nella terza tappa della Parigi-Nizza 2017, 190 chilometri con partenza da Chablis e arrivo a Chalon-sur-Saône. Dopo due frazioni segnate dal forte vento e da lunghe battaglie, oggi la corsa si è risolta in uno sprint regolare con tutti i favoriti della vigilia a contendersi il successo parziale.

Giornata finalmente tranquilla in cui la fuga della prima ora è stata protagonista per lunghe fasi: Pierre-Roger Latour (Ag2R), Benjamin King (Dimension Data) e Romain Combaud (Delko-Marseille) sono andati in avanscoperta pochi chilometri dopo il via ufficiale. Complice le condizioni meteo favorevoli il gruppo ha deciso di concedere spazio, con un vantaggio arrivato a toccare anche gli otto minuti. Purtroppo per loro, però, le squadre dei velocisti hanno iniziato a lavorare e a ridurre questo gap.

A 24 chilometri dall’arrivo, con il plotone ormai a un minuto, Latour ha provato ad attaccare, transitando in vetta al Gpm di seconda categoria della Cote de Charrecey, con King che non è riuscito a tenere il ritmo e si è staccato dagli ex compagni di avventura. Questo nuovo scatto ha dato ulteriore linfa al tentativo, che è riuscito a resistere e il gruppo è riuscito a portarsi sulle loro ruote solo alle porte dell’ultimo chilometro.

Proprio nel momento del sorpasso la QuickStep Floors ha preso la testa del gruppo per lanciare la volata di Marcel Kittel: una vola che Sabatini si è scansato il tedesco ha avuto un’indecisione e dalla sinistra della carreggiata è uscito l’irlandese Sam Bennett, che si trovava a ruota di Alexander Kristoff. L’atleta della Bora Hansgrohe ha sfruttato al meglio un rapporto forse leggermente più agile sul rettilineo finale, in leggera salita, per scavalcare il norvegese e tagliare il traguardo in prima posizione con margine sugli avversari. Kristoff (Katusha) ha chiuso in seconda piazza mentre John Degenkolb (Trek-Sagafredo) ha completato il podio. Kittel si è piazzato quarto, mentre Michael Matthews (Sunweb) ha completato la top 5. Il migliore degli italiani è stato Kristian Sbaragli (Dimension Data), nono.

Arnaud Démare, nonostante sia rimasto chiuso in sesta piazza, ha mantenuto la leadership nella classifica generale.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

 

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Rugby, Sei Nazioni 2017: la formazione dell’Italia per la sfida alla Francia. Gori-Canna in mediana

Rally, Mondiale 2017 – Gp Messico: un percorso che mette a dura prova piloti e mezzi