Parigi-Nizza 2017: Sam Bennett batte i big dello sprint e vince la terza tappa!

© ASO/A.Broadway


Vittoria per l’irlandese Sam Bennett nella terza tappa della Parigi-Nizza 2017, 190 chilometri con partenza da Chablis e arrivo a Chalon-sur-Saône. Dopo due frazioni segnate dal forte vento e da lunghe battaglie, oggi la corsa si è risolta in uno sprint regolare con tutti i favoriti della vigilia a contendersi il successo parziale.

Giornata finalmente tranquilla in cui la fuga della prima ora è stata protagonista per lunghe fasi: Pierre-Roger Latour (Ag2R), Benjamin King (Dimension Data) e Romain Combaud (Delko-Marseille) sono andati in avanscoperta pochi chilometri dopo il via ufficiale. Complice le condizioni meteo favorevoli il gruppo ha deciso di concedere spazio, con un vantaggio arrivato a toccare anche gli otto minuti. Purtroppo per loro, però, le squadre dei velocisti hanno iniziato a lavorare e a ridurre questo gap.

A 24 chilometri dall’arrivo, con il plotone ormai a un minuto, Latour ha provato ad attaccare, transitando in vetta al Gpm di seconda categoria della Cote de Charrecey, con King che non è riuscito a tenere il ritmo e si è staccato dagli ex compagni di avventura. Questo nuovo scatto ha dato ulteriore linfa al tentativo, che è riuscito a resistere e il gruppo è riuscito a portarsi sulle loro ruote solo alle porte dell’ultimo chilometro.

Proprio nel momento del sorpasso la QuickStep Floors ha preso la testa del gruppo per lanciare la volata di Marcel Kittel: una vola che Sabatini si è scansato il tedesco ha avuto un’indecisione e dalla sinistra della carreggiata è uscito l’irlandese Sam Bennett, che si trovava a ruota di Alexander Kristoff. L’atleta della Bora Hansgrohe ha sfruttato al meglio un rapporto forse leggermente più agile sul rettilineo finale, in leggera salita, per scavalcare il norvegese e tagliare il traguardo in prima posizione con margine sugli avversari. Kristoff (Katusha) ha chiuso in seconda piazza mentre John Degenkolb (Trek-Sagafredo) ha completato il podio. Kittel si è piazzato quarto, mentre Michael Matthews (Sunweb) ha completato la top 5. Il migliore degli italiani è stato Kristian Sbaragli (Dimension Data), nono.

Arnaud Démare, nonostante sia rimasto chiuso in sesta piazza, ha mantenuto la leadership nella classifica generale.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

 

Lascia un commento

scroll to top