Parigi-Nizza 2017: le pagelle della terza tappa. Bennett sorprende tutti, male Kittel

Bennett_2017_action_∏bora-hansgrohe_veloimages-e1488901894938.jpg

Terza tappa per la Parigi-Nizza: altra volata in terra francese nella frazione partita da Chablis e giunta dopo 190 chilometri a Chalon-sur-Saône. A trionfare a sorpresa è l’irlandese Sam Bennett. Andiamo a rivivere la corsa con le pagelle dei protagonisti.

Sam Bennett, voto 9: prima vittoria in carriera nel circuito World Tour per il velocista irlandese, sempre più in crescita nelle ultime stagioni. Avrà molte più opportunità di farsi notare rispetto alle altre annate, correndo sempre come oggi potrà davvero sfruttarle. Sorprende tutti partendo ai 200 metri dalla ruota di Kristoff, con uno spunto eccellente con il quale non si fa rimontare dai più accreditati rivali.

Alexander Kristoff, voto 8: altro piazzamento per il norvegese della Katusha che sembra essere pronto ad una primavera che lo vedrà sicuramente protagonista nelle Classiche. Perde le ruote dei primi a 500 metri dall’arrivo, poi fa uno sforzo ulteriore per riportarsi davanti ma lancia inconsciamente Bennett. Un secondo posto comunque positivo.

John Degenkolb, voto 7: anche il tedesco si fa rivedere sul podio. Per il capitano della Trek-Segafredo la gamba non è ancora quella dei giorni migliori, ma con qualche chilometro in più nel motore può davvero diventare devastante per le prossime importanti gare.

Marcel Kittel, voto 5: volata da dimenticare per il teutonico, grande favorito di giornata. La squadra, con Sabatini ultimo uomo, lo trascina alla grande fino agli ultimi 250 metri, ma il velocista ci pensa troppo e parte con un attimo di ritardo, dovendo rimontare tutti i rivali. Alla fine è un quarto posto che non può accontentarlo.

Michael Matthews, voto 6: in crescita di condizione l’australiano che alla Milano-Sanremo, se corsa ad andatura alta, potrà far davvero bene. Quinto posto oggi.

Kristian Sbaragli, voto 6,5: buona nona piazza per il velocista azzurro della Dimension Data, soprattutto vista la caratura degli avversari.

Riccardo Minali, voto 6: quindicesimo oggi. Non trova la ruota giusta all’ultimo chilometro e perde troppe posizioni, può sicuramente migliorare.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

© Bora-Hansgrohe, Veloimages

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top