F1, Chris Horner: “Mercedes resta favorita per il titolo. Daniel Ricciardo e Max Verstappen sono la coppia migliore in griglia”

red-bull-twitter-ufficiale.jpg

Chris Horner è lo storico team principal della Red Bull, scuderia chiamata in questo Mondiale F1 2017 ad infastidire la Mercedes, insieme alla Ferrari, in ottica titolo, cercando di creare maggiore spettacolo e suspence rispetto alle ultime stagioni, magari tirate ma con una lotta limitata ai due piloti della casa tedesca, Lewis Hamilton e Nico Rosberg.

Ed è proprio dalla Mercedes, e dall’addio di Rosberg, che il 43enne inglese, con un passato da pilota nelle categorie propedeutiche alla F1, inizia la sua personale riflessione, facendo intendere come l’andamento dei test di Barcellona non debba illudere più di tanto sugli effettivi valori in campo, come riporta una intervista presente su F1.com:”Sarà strano non vedere il campione del mondo in carica difendere la propria corona, anche perché ha preso la decisione di ritirarsi pur essendo molto giovane. Mercedes resta comunque chiaramente la favorita per il Mondiale. Negli ultimi anni hanno vinto 50 gare, noi (Red Bull) 5 e la Ferrari 3. Non penso serva aggiungere altro“. Proprio sulle prove svoltesi, in due riprese, sul tracciato catalano, Horner è molto chiaro nell’esprimere le sue idee: “Nei test facciamo delle analisi dei dati raccolti, ma resta comunque estremamente difficile capire il livello dei vari team, perché ognuno gira con delle mescole di gomma diverse, differente carico di carburante o livello di potenza della power unit“.

Si passa poi a parlare della situazione che più da vicino interessa Horner, cioè il punto a cui è Red Bull in vista del 2017: “Abbiamo una buona base come macchina, che speriamo riusciremo a sviluppare al meglio nel corso della stagione. Anche il nostro motorista, Renault (Red Bull utilizza formalmente propulsori TAG-Heuer, ma di fatto si tratta della power unit fornita dalla casa francese) ha avuto un inverno molto impegnativo. Speriamo che anche loro riescano a performare al meglio in questa stagione“. In questo quadro, Horner sente doveroso parlare del ritorno in auge di Adrian Newey, progettista di lungo corso in seno al team anglo-austriaco (dal 2006), già capace di lavorare ottimamente in altre scuderie quali Williams e McLaren: “Con le nuove regole sicuramente Newey ha ritrovato grande motivazione nel lavorare sul progetto F1, unitamente a quello inerente alla Aston Martin. Stiamo operando in maniera super insieme, ed è bello che un tecnico del suo livello abbia recuperato interesse nella categoria“.

Se la Red Bull è chiamata a giocare un ruolo importante nel 2017, ciò lo deve non solo alle capacità del team di Milton Keynes di mantenersi al top negli ultimi anni, ma anche per via del fatto che ha a disposizione una coppia di piloti molto interessante, per talento e determinazione: l’australiano Daniel Ricciardo e l’olandese Max Verstappen. Horner non ne fa mistero, ed anzi si lancia in una considerazione forte: “Onestamente, credo che Red Bull abbia la miglior coppia di piloti dell’intera griglia di partenza. Ricciardo ha guidato in maniera magnifica nel 2016, e sta raggiungendo il picco massimo della sua carriera. Verstappen, invece, cresce continuamente, diventando sempre più forte con il passare delle gare“.

Come chiunque abbia avuto una intervista in questo pre-campionato, anche Horner non può esimersi dal parlare di cosa possa essere cambiato nella F1 attuale, dando comunque uno sguardo anche al futuro, soprattutto dal punto di vista economico:Il cambiamento tecnico è stato importante, ma non così grande. Ce ne sono stati altri in passato quantomeno simili, come ad esempio il diverso fornitore di pneumatici, l’abolizione dei rifornimenti in gara. I team capaci riescono in ogni caso ad adattarsi bene ad essi. Spero veramente che quanto stiamo sentendo con i nuovi proprietari vada in porto, perché è importante avere una F1 più competitiva, accessibile dal punto di vista economico anche per i top team e non solo per quelli più piccoli, motori più rumorosi, in modo da creare un prodotto maggiormente attraente per i tifosi“.

Chiosa finale sul 2017, con Horner che, tirando giustamente acqua al suo mulino, spera in un nome nuovo in grado di coronarsi campione del mondo a fine anno:Nonostante il ritiro di Rosberg, sulla griglia restano grandi campioni come Hamilton, Sebastian Vettel, Kimi Raikkonen e Fernando Alonso. Tuttavia, spero che quest’anno ci possa essere un nome nuovo capace di vincere il titolo, magari uno dei nostri due piloti!“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter ufficiale Red Bull Racing

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top