Basket, NBA 2016/2017: i risultati di martedì 28 marzo. I Warriors vincono la super sfida contro i Rockets, Curry ne fa 32, sconfitte per Gallinari e Belinelli

Schermata-2016-10-25-alle-14.00.37.png

Si sono disputate otto partite nella notte tra martedì 28 e mercoledì 29 marzo valide per la regular season NBA, con le franchigie alla ricerca del miglior posizionamento possibile in vista dei Playoff ormai imminenti. Andiamo a vedere come è andata nel consueto riepilogo.

Tutti i riflettori erano indirizzati sulla sfida del Toyota Center tra Houston e Golden State. Ebbene, sono stati i Warriors ad imporsi 113-106 grazie ad una prestazione da urlo di Stephen Curry (32 punti, 10 rimbalzi e 7 assist) che ha vinto il duello con l’altra stella attesa della serata James Harden (24-13-11), autore comunque della 20esima tripla doppia della stagione. Decisivo ai fini del successo dei ragazzi di Steve Kerr il primo quarto da 37 punti contro i 20 dei padroni di casa. Da rimarcare altresì le prove di Draymond Green sotto canestro (19-9-4) e di Klay Thompson in fase realizzativa (25-5-1). Grazie a questo successo Curry e compagni raggiungono quota 60 vittorie nell’annata, confermandosi sempre più leader della graduatoria ad Ovest, ottenendo l’ottavo trionfo consecutivo ed essendo la quinta squadra nella storia della NBA a vincere 60 incontri in 3 anni consecutivi.

Successo importante all’ultimo respiro, in ottica Playoff, per Miami al Palace of Auburn Hills di Detroit. 97-96 per gli Heat, contro i Pistons, trascinati da un Goran Dragic da 28 punti e da un Hassan Whiteside (17-9-1) on fire. Un risultato molto importante per la franchigia della Florida nella top8 della Eastern Conference. Al cardiopalma anche la vittoria dei Timberwolves contro Indiana (115-114). Protagonisti del confronto Ricky Rubio (21-5-10) e Karl Anthony Towns (37-12-1) infallibili dalla lunetta dei tiri liberi. Da rimarcare tra i Pacers la partita di Paul George, autore di ben 37 punti, conditi da 7 rimbalzi e 2 assist. Fondamentale successo (122-113) di Portland al Moda Center contro i Nuggets di Danilo Gallinari (13-6-3). Partita da incorniciare per CJ McCollum (39 punti, 5 rimbalzi e 3 assist) e carrer-high per Jusuf Nurkic. Il centro bosniaco è stato capace di 33 punti, 16 rimbalzi e 2 assist non lasciando scampo alcuno alla difesa di Denver. Sono 36 le vittorie stagionali per la squadra dell’Oregon in ottava piazza ad Ovest proprio davanti alla formazione allenata da Michael Malone.

Centrano il bersaglio grosso anche gli Hawks (95-91) allla Philips Arena contro i Phoenix Suns. In grande evidenza il tedesco Dennis Schroder (27 punti, 6 rimbalzi e 9 assist) fondamentale in ogni zona del campo e coadiuvato da Ersan Ilyasova (18-12-1) e Dwight Howard (15-11-4). Rispondono presente anche i Bucks, vittoriosi allo Spectrum Center, contro Charlotte, 118-108. Solito apporto di Giannis Antetokounmpo (20-8-2) che insieme a Tony Snell (26 punti career-high) hanno guidato al successo Milwaukee contro gli Hornets. Tra i padroni di casa 6 punti, 4 rimbalzi e 5 assist per il nostro Marco Belinelli. 

Vittoria anche per Philadelphia contro i Nets 106-101. Robert Covington (21-13-1) e Dario Saric (23-7-1) gli uomini in più per i Sixers. Infine, è John Wall (34 punti e 14 assist) a mettere il sigillo nel successo dei Washington Wizards contro i Los Angeles Lakers (119-108) allo Staples Center. Tra le fila della franchigia californiana degna di lode la prestazione di D’Angelo Russell (28-6-9).

I risultati di martedì 28 marzo

Milwaukee Bucks – Charlotte Hornets 118-108
Minnesota Timberwolves – Indiana Pacers 115-114
Philadelphia 76ers – Brooklyn Nets 106-101
Phoenix Suns – Atlanta Hawks 91-95
Miami Heat – Detroit Pistons 97-96
Golden State Warriors – Houston Rockets 113-106
Denver Nuggets – Portland Trail Blazers 113-122
Washingtson Wizards – Los Angeles Lakers 119-108

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pagina Facebook Curry

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top