Minacce ed intimidazioni sessuali a Bebe Vio via social. Il Codacons denuncia l’accaduto all’Autorità giudiziaria

Bebe-Vio.jpg

Scandaloso e vergognoso. Si fa davvero fatica a definire quanto alcuni utenti siano stati in grado di creare su Facebook attraverso una “pagina ad hoc”. Parliamo di uno spazio che incitava a violentare sessualmente la campionessa paralimpica Bebe Vio, rimosso e segnalato dal Codacons che, secondo una nota, avrebbe denunciato il social network all’Autorità giudiziaria. Il tutto è avvenuto dopo le segnalazioni degli utenti del social network agli amministratori. Inoltre il Codacons si è rivolto alle Procure della Repubblica di Roma e Venezia, alla polizia postale e all’Autorità per le comunicazioni, per perseguire i responsabili di quest’iniziativa inqualificabile.

Inaccettabile che la rete venga utilizzata per disseminare odio e violenza e per alimentare questa barbarie. Voglio esprimere a Bebe la mia vicinanza e quella del Comitato Italiano Paralimpico”, queste le parole di Luca Pancalli presidente del Comitato Italiano Paralimpico che ha aggiunto: “Si tratta di un fatto gravissimo e preoccupante. Mi auguro solo che le autorità competenti facciano chiarezza sull’accaduto e individuino al più presto i responsabili di questo gesto ignobile e profondamente disgustoso”.

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina facebook Bebe Vio

Lascia un commento

scroll to top