Ciclismo, Parigi-Nizza 2016: Démare batte Swift e Bouhanni a Vendôme

Lo sprint vincente di Arnaud Démare (FDJ) vale al corridore francese la prima tappa della Parigi-Nizza 2016, dopo il prologo di ieri conquistato a sorpresa da Michael Matthews (Orica-GreenEDGE) che, quinto al traguardo, rimane il leader della classifica con tre secondi di vantaggio su Tom Dumoulin (Team Giant-Alpecin).

I 198 chilometri che separano Condé-sur-Vesgre dall’arrivo di Vendôme sono ricchi di sterrato e vengono resi difficili dal maltempo. Ne esce dunque una piccola classica del Nord, ricca di cadute e colpi di scena. Tra i fuggitivi c’è il belga Thomas De Gendt (Lotto-Soudal), vincitore della tappa dello Stelvio al Giro d’Italia 2012 e terzo nella generale dello stesso anno.

L’azione viene neutralizzata quando mancano circa 20 chilometri al traguardo. Il circuito finale è impegnativo, con sterrato, pavé e tratti molto stretti. La BMC lascia colpevolmente solo il campione in carica Richie Porte, che comunque non corre rischi. Si arrendono prima della volata, invece, Sylvain Chavanel (Direct Energie) e Marcel Kittel (Etixx-Quick Step), vittime rispettivamente di una foratura e del ritmo troppo serrato dei big di testa.

Ai -2 parte Edward Theuns (Trek-Segafredo), che transita da solo sotto il triangolo rosso e sogna addirittura il colpaccio da finisseur a causa della disorganizzazione del gruppo. Il Team Sky, però, lavora bene in extremis e i corridori rientrano sul belga ai 250 metri. Ben Swift fa tutto benissimo, ma come un fulmine esce Demare, che alza le braccia battendo anche il connazionale Nacer Bouhanni (Cofidis), terzo dietro al britannico. Non ci sono italiani tra i primi dieci.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Twitter Parigi-Nizza

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo su pista, Mondiali 2016: Ganna porta l’Italia in cima al mondo. Corsa a punti da dimenticare per Viviani

Tirreno-Adriatico 2016: la programmazione tv della Corsa dei Due Mari