Sci di fondo, Coppa del mondo: a Östersund si parla norvegese, Pellegrino cade in semifinale

Marit-Bjoergen-Sci-di-fondo-Pagina-FB-Bjoergen-Libera.jpg

Östersund – Se mai ci fosse stato qualche dubbio su chi sarà la squadra da battere ai Mondiali, nelle sprint a tecnica classica odierne c’è stata l’ennesima prova di forza della squadra norvegese, pronta a fare incetta di medaglie a Falun.

Tra i maschi a trionfare è Finn Haagen Krogh, bravissimo a tenere dietro uno scatenato Alex Harvey. Quarto successo in Coppa del mondo per il 24enne di Alta che conquista anche la leadership nella classifica di specialità scalzando il nostro Pellegrino. Torna invece sul podio a distanza di un anno il canadeseHarvey, bravo e fortunato nell’avvantaggiarsi di qualche caduta nei turni precedenti e protagonista di una splendida finale. Il podio è completato dall’altro norvegese Timo Andre Bakken, uno che a Falun nemmeno ci sarà per l’incredibile concorrenza interna. Quarta e quinta piazza rispettivamente per Sondre Turvoll Fossli (Norvegia) e Matias Strandvall (Finlandia).

Si ferma in semifinale Federico Pellegrino. Quindicesimo dopo le qualificazioni, il campione azzurro si è ritrovato in una batteria impossibile con i norvegesi Ola Vigen Hattestad, Pal Golberg e il finlandese Strandvall. All’ingresso dell’ultima salita il valdostano, comunque in piena lotta per passare il turno, ha approfittato della caduta proprio dei due sudditi di Re Harald V per involarsi verso il traguardo seguito dal canadese Harvey. Nel penultimo atto tuttavia la stessa sorte è capitata al nostro portacolori, toccatosi col russo Panzhinskiy mentre si stava giocando un posto in finale.

Solita passerella norvegese invece in campo femminile. Lo strapotere dello squadrone scandinavo è rappresentato dalla solita Marit Bjoergen, prima davanti alla compagna di squadra Maiken Caspersen Falla e alla svedese Stina Nilsson, ancora una volta l’unica atleta del resto del mondo a dar del filo da torcere alle cugine scandinave. Quarta, quinta e sesta piazza per le altre norvegesi Kari Vikhagen Gjeitnes, Ingvild Flugstad OestbergCeline Brun-Lie. 

A sorridere è tuttavia pure l’Italia con Gaia Vuerich e sopratutto Francesca Baudin in zona punti. Per la fresca campionessa del mondo Under 23 della specialità si tratta del secondo piazzamento nelle trenta in Coppa del mondo dopo la 27^ piazza ottenuta in una tappa del Tour de Ski 2015.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top