Pattinaggio Artistico: tutti i risultati delle ultime gare. Ottimi piazzamenti per gli azzurri

oa-logo-correlati.png

In queste ultime due settimane si sono svolte diverse gara di livello internazionale per quanto riguarda le discipline del pattinaggio di figura.

BAVARIAN OPEN

Mariko Kihari conquista la medaglia più importante con 171.80: la giapponese ha sbaragliato con la concorrenza con più di venti punti di vantaggio con due buone combinazioni, la prima doppio axel-triplo toeloo, mentre la seconda triplo loop- doppie toeloop- doppio loop. Sul secondo gradino del podio si colloca la tedesca Lutricia Bock con 159.85, mentre arriva terza l’olandese Niki Wories con 139.95. Quattordicesima Carol Bressanutti con 112.44, con il dodicesimo libero.

Tra gli uomini invece si impone il russo Andrei Lazukin con 196.19, nonostante due cadute nel lungo sul triplo axel e sul triplo lutz. Argento per il tedesco Franz Streubel con 182.74, mentre bronzo per il finnico Valter Virtanen con 168.87. Chiude settimo con il secondo libero Carlo Vittorio Palermo con 156.87.

Nella gara delle coppie di artistico si posizionano al secondo posto Alessandra Cernuschi e Filippo Ambrosini con 129.39: gli azzurri, dopo il corto si trovavano in vetta e avevano ben eseguito il triplo toeloop in parallelo, nel libero ha commesso qualche errore sugli elementi tecnici, come la caduta sul triplo flip lanciato e la trottola combinata non è stata considerata valida. Oro ai tedeschi Amani Fancy e Cristopher Boyadji con 132.60, invece bronzo i bulgari Elizaveta Makarova e Leri Kenchade con 116.41.

Trionfo nella danza juniores  e seniores per la bandiera italiana: Misato Komatsubara e Andrea Fabbri si collocano sul primo gradino del podio con 142.38, riscatto dopo il difficile Campionato europeo.  Arrivano secondi e terzi gli israeliani Alison Reed e Vasili Rogov con 138.78 e gli estoni Courtney Mansour e Michal Ceska con 133.80. Invece i fratelli Sofia e Leoluca Sforza si mettono al collo l’oro con 130.05.

SARAJEVO OPEN

Guia Tagliapietra si afferma nella competizione delle donne con 125.07: peccato per la trottola non conteggiata nel corto e due cadute, una sul triplo flip e una sul triplo salchow, nel programma lunga. Secondo posto per la turca Birce Atabey con 118.29, mentre giunge terza la finlandese Timila Shrestha con 115.39.

DRAGON TROPHY

Donne seniores

1 Eliska BREZINOVA CZE 146.28 1 1
2 Ivett TOTH HUN 130.19 3 2
3 Ilaria NOGARO ITA 127.88 2 4
4 Fruzsina MEDGYESI HUN 127.70 4 3
5 Christina GRILL AUT 105.21 6 6
6 Silvia MARTINELLI ITA 104.65 5 7
7 Belinda SCHOENBERGER AUT 98.09 7 5

Uomini seniores

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Mattia DALLA TORRE ITA 141.93 1 1

ICE CHALLANGE 

Kanako Murakami conquista la medaglia più prestigiosa: la giapponese ha commesso qualche imprecisione nel libero, come i due loop semplici previsti tripli, mentre nello short ha presentato la combinazione triplo toeloop-triplo toeloop(sotto-ruotato). Ha meritato dunque 172.91 punti. Dietro di lei si sono classificate rispettivamente la svedese Joshi Helgesson con 164.63 e l’olandese Niki Wories con 143.62. Sesta Giada Russo con 128.79: la campionessa italiana si trovava in terza posizione dopo il corto, mentre nel lungo ha eseguito diversi salti degradati ed è caduta due volte.

In campo maschile trionfa Ivan Righini, che ottiene il personal best, ma anche il miglior punteggio in campo maschile per l’Italia: il pattinatore azzurro ha presentato due programmi puliti con ottimi tripli axel e salti. Ha ottenuto dunque 226.95 punti. Si posiziona secondo lo spagnolo Javier Raya con 199.13, mentre terzo il giapponese Ryuju Hino con 189.41.

Continuate a seguire gli aggiornamenti sulla nostra pagina FB Pattinaggio Artistico Italiano- Italian Ice Skating. 

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

eleonora.baroni@olimpiazzurra.com

Foto: Luca RENOLDI- www.lucarenoldiphoto.com

 

Lascia un commento

scroll to top