Ginnastica, numeri al WOGA: bomba Xie sugli staggi, Ohashi c’è, Baumann ko! Al Comaneci prima Crisan, Lopez verso la Coppa

oa-logo-correlati.png

San Valentino ha relegato due gare di ginnastica artistica e dei risultati assolutamente rilevanti.

A Frisco (Texas, USA) spazio al tradizionale WOGA Classic. Ha trionfato Xie Yufen, cinese membro del team d’argento agli ultimi Mondiali, con un complessivo 55.600. Prestazione sbalorditiva alla parallele asimmetriche, dove è stata autrice di un pesantissimo 15.350! Per il resto 13.45 al volteggio, 13.75 alla trave, 13.05 al corpo libero.

L’asiatica ha avuto la meglio solo in volata su una bellissima Celine Van Gerner (55.550) che ha brillato alla trave con un perentorio 14.750. L’olandese ha fatto bene anche al volteggio (14.050), poi 13.45 alle parallele e 13.30 al corpo libero.

Il podio è completato da Natsumi Sasada (55.400), plurimedagliata ai Mondiali e grande veterana del circuito. La nipponica è autrice della miglior prestazione al quadrato (13.650), terza sugli staggi (14.050), completa il giro con 13.95 alla trave e 13.75 al volteggio.

Alyssa Baumann, padrona di casa (è una tesserata WOGA) e Campionessa del Mondo con gli USA a Nanning, ha avuto dei grossi problemi alle parallele, è caduta tre volte e poi è uscita di scena, non salendo sugli altri attrezzi.

Katelyn Ohashi, ormai fuori dal 2013 causa tanti problemi fisici, ha ritrovato una pedana elite (anche se lei rimane ancora inserita nel level ten). La vincitrice dell’American Cup 2013, ultima capace di sconfiggere la Campionessa del Mondo Simone Biles, avrebbe anche potuto vincere se fosse salita sugli staggi. Per lei il miglior punteggio in assoluto alla tavola (14.300), il secondo alla trave (14.050) e il terzo al libero (13.350).

Non trova invece modo di brillare Yawen Bai, vicecampionessa del Mondo alla trave, che sul suo attrezzo si ferma a 13.700.

 

A Oklahoma City è invece andato in scena il Nadia Comaneci International Invitational, kermesse organizzata dalla grande icona della ginnastica artistica. A primeggiare sono state le junior Olivia Cimpian e Ioana Crisan (quest’anno in prestito alla Gal Lissone) con un totale di 52.850.

La stella dell’evento era però Jessica Lopez che è scesa in pedana per prepararsi in vista dell’American Cup dove, salvo cataclismi, conquisterà la classifica generale di Coppa del Mondo. Va detto che la venezuelana sta recuperando da un piccolo infortunio al piede e che è salita solo sue due attrezzi: il prossimo 7 marzo dovrebbe essere tutt’altra musica (anche se speriamo di no, visto che un suo pessimo risultato servirebbe a Vanessa Ferrari la seria possibilità di alzare al cielo la Sfera di Cristallo).

Con ampi bonus e punteggi naturalmente molto generosi, la 28enne due volta olimpica si è presentata alle parallele asimmetriche (14.75: Maloney, Higgins, Tkatchev-Gienger, Jaeger) e alla trave (15.60).

Lascia un commento

scroll to top