Tuffi: cambio di serie per Cagnotto-Dallapè? Bertone: “Aria di novità”

Cagnotto-Dallapè-2.jpg

Aria di novità. I tuffatori azzurri sono al lavoro per preparare la nuova stagione e adeguarsi alle modifiche regolamentari varate dalla Fin, che convincono tutti e aiuteranno ad aumentare la competitività in campo internazionale. Oscar Bertone, tecnico federale e responsabile del settore giovanile italiano, commenta positivamente la scelta varata: “È la strada corretta da seguire, era da qualche anno che si provava a spingere in questa direzione. È l’unico modo per adeguarsi ai migliori standard internazionali e provare a competere per le posizioni di vertice, soprattutto in campo maschile dove da qualche anno fatichiamo. Probabilmente all’inizio ci saranno più errori nelle gare nazionali, ma quando si arriverà a Europei e Mondiali l’allenamento darà i suoi frutti“.

Intanto a Bolzano si è appena concluso un primo ritiro che ha visto impegnati la coppia d’oro Tania Cagnotto-Francesca Dallapè e il 20enne trampolinista Giovanni Tocci. Se il terzo continua nel suo già previsto percorso di aumento e consolidamento dei coefficienti tra quadruplo e mezzo avanti e triplo e mezzo rovesciato, alle prime due l’aria natalizia sta portando un probabile cambio di serie nel sincro e nuova fame per altri successi. “Stiamo preparando il triplo e mezzo avanti carpiato, coefficiente 3.1, al posto del doppio e mezzo indietro di 3.0 – continua Bertone -. Aumenteremmo il programma di un decimo e, se da un lato togliamo un cavallo di battaglia di Tania, dall’altro trasmetteremmo più tranquillità a Francesca. Valuteremo in questi mesi i pro e contro con Giorgio Cagnotto e Giuliana Aor: la giuria potrebbe apprezzare la novità, ma essendo un tuffo con rincorsa ci sono molti aspetti da sistemare al meglio. Al Grand Prix di Rostock e alla Coppa Rio di Bolzano vedremo se portarlo o no alle World Series e lo stesso vale per il nuovo avvitamento rovesciato di Tania (5337d, 3.5 di coefficiente di difficoltà ndr), che al momento è work in progress“.

L’esordio stagionale della bolzanina è rinviato al 2015: la pluricampionessa europea non sarà infatti in gara al Trofeo di Natale di Trieste (19-21 dicembre). Gli allenamenti, però, sono già iniziati a pieno regime: “Dopo i due anni più blandi post Londra – conclude Bertone -, questi due verso Rio saranno gli ultimi della sua carriera e dunque densi di lavoro come un tempo, anche perché la concorrenza avanza ed è sempre più difficile recuperare dopo l’estate. Il ritiro di Bolzano di queste settimane è stato solo il primo di una lunga serie che ne prevederà circa uno al mese dalla durata di dieci/quindici giorni. Al momento la preparazione è più atletica che tecnica, stiamo utilizzando molto i pesi, e lo scarico inizierà solo da febbraio e marzo. Sarà un anno intenso ma produttivo per tutti“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Rostock 2013

Tag

Lascia un commento

Top