Pallamano femminile, Europei 2014: la Norvegia si è ripresa il suo scettro

Pallamano-Norvegia-femminile-EHF-FB.jpg

È durato poco il digiuno della Norvegia nei tornei internazionali di pallamano femminile: dopo aver ottenuto la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra 2012, infatti, la nazionale scandinava era stata sconfitta nella finale europea dello stesso anno dal sorprendente Montenegro, al termine di un combattutissimo match conclusosi sul 34-31 ai tempi supplementari. Ma la vera débâcle per questa formidabile squadra è arrivata nel 2013, con il quinto posto ai Mondiali che si sono disputati in Serbia.

Dopo questa breve crisi, la Norvegia è tornata dunque a dominare la pallamano femminile, tornando sul trono d’Europa per la sesta volta (1998, 2004, 2006, 2008, 2010, 2014), un record assoluto se si pensa che la competizione continentale in rosa è solamente alla sua undicesima edizione. Come se non bastasse, la compagine nordica è stata assente dal podio in una sola occasione, nel 2000, ottenendo invece tre argenti ed un bronzo nelle restanti annate. La vittoria agli Europei di Ungheria e Croazia, poi, ha automaticamente qualificato la Norvegia sia ai Mondiali 2015 che alle Olimpiadi di Rio 2016: l’anno prossimo, dunque, l’obiettivo sarà quello di tornare a vincere anche l’alloro iridato, dopo aver ceduto la corona al Brasile lo scorso anno.

La Spagna, medagliata d’argento, ha confermato la sua crescita degli ultimi anni, eguagliando il secondo posto conquistato nel 2008, quando in finale le iberiche furono sconfitte sempre dalla Norvegia. Dopo il bronzo mondiale del 2011 e quello olimpico del 2012, dunque, la Spagna femminile ha dimostrato ancora una volta di essere diventata una squadra di ottimo livello, anche se ancora distante dai grandi risultati dei connazionali maschi. Le giocatrici giallorosse potranno inoltre disputare il torneo di qualificazione olimpica assieme a Svezia, Montenegro e Francia, che completano la top 5 di questo Campionato Europeo.

La rassegna continentale femminile tornerà nel 2016 in Svezia, dove le medagliate di bronzo di quest’anno, salite sul podio per la seconda volta della loro storia, cercheranno di sfidare le campionesse norvegesi per quella che potrebbe essere una sfida tutta scandinava. Ma la pallamano internazionale dovrà prima affrontare un intenso 2015, con i Mondiali maschili in Qatar e quelli femminili in Danimarca.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine. EHF (pagina Facebook)

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top