Judo, 60 kg: Boldbaatar Ganbat spodesta Naohisa Takato

Judo-Boldbaatar-Ganbat-IJF.jpg

Siamo giunti al secondo appuntamento con il nostro viaggio tra le quattordici categorie di peso del judo, con l’obiettivo di ripercorrere quanto accaduto nel 2014. Per ogni categoria, vi proporremo il ranking IJF di fine anno ed alcuni video salienti, ricordando i vincitori dei titoli più importanti ed i risultati dei migliori italiani. Dopo l’esordio con la categoria 48 kg femminile, quest’oggi tratteremo dei 60 kg maschili.

I PROTAGONISTI

Il ventisettenne mongolo Boldbaatar Ganbat è stato il grande protagonista della stagione per quanto riguarda questa categoria. Già judoka di buon livello, Ganbat ha infatti effettuato un inaspettato salto di qualità, vincendo ad inizio anno il Grand Slam di Parigi. La sua stagione è poi proseguita con la vittoria del Grand Prix casalingo di Ulaanbaatar, prima di ottenere il titolo mondiale nella rassegna di Čeljabinsk, migliorando così nettamente il quinto posto della precedente competizione iridata. Il finale di stagione è stato più difficile: agli Asian Games di Incheon, infatti, Ganbat è stato sconfitto in finale dal kazako Yeldos Smetov, numero otto del ranking, mentre al Grand Slam di Tokyo si è fermato agli ottavi di finale. Una battuta d’arresto che nulla toglie alla sua splendida annata, che lo vede meritatamente concludere al comando della classifica IJF.

In seconda piazza troviamo il georgiano Amiran Papinashvili. Il ventiseienne vincitore del Grand Prix de L’Avana ha ottenuto numerose medaglie internazionali, ma è salito sul gradino più alto del podio solamente nel torneo cubano. Battuto nella finale del Grand Slam di Parigi proprio da Ganbat, Papinashvili non è riuscito a difendere il titolo europeo vinto nel 2013, accontentandosi della medaglia d’argento alle spalle del russo Beslan Mudranov, numero sei del mondo che poi avrebbe vinto anche l’argento iridato. In compenso, il georgiano ha ottenuto la sua prima medaglia mondiale individuale, classificandosi terzo, ed ha poi bissato il bronzo iridato ottenendo lo stesso risultato nella prova a squadre.

Lo sconfitto di stagione è il giapponese Naohisa Takato, che ne ha combinate di tutti i colori sia sul tatami che fuori. Il ventunenne nipponico, che nella stagione precedente non era mai stato sconfitto in tornei internazionali, ha vinto il Grand Prix di Budapest, ma poi ha ceduto il suo titolo mondiale in una prova che lo vedeva partire come grande favorito. Se, a livello sportivo, Takato si è potuto consolare comunque con il bronzo, a peggiorare la situazione ci hanno pensato i provvedimenti disciplinari che hanno portato alla sua esclusione dalle convocazioni giapponesi per il Grand Slam di Tokyo (clicca qui per saperne di più). La grande classe di questo atleta, però, ci fa pensare che non impiegherà troppo tempo a tornare ai livelli che gli competono.

Tra gli altri delusi della stagione citiamo anche il brasiliano Felipe Kitadai, scivolato al nono posto del ranking mondiale, che ha comunque ottenuto il titolo panamericano per il quarto anno consecutivo.

GLI AZZURRI

Il ventunenne Carmine Di Loreto è l’unico azzurro presente, anche se di poco, fra i migliori cento del mondo, occupando attualmente la novantanovesima posizione del ranking mondiale. Alla sua prima stagione piena tra i senior, il nocerino ha ottenuto come miglior piazzamento il quinto posto al Grand Prix di Zagabria, in Croazia, mentre ai Campionati Italiani si è classificato terzo. Proprio il vincitore della rassegna nazionale, Elios Manzi, classe 1996, potrebbe rappresentare la novità per la prossima stagione, qualora decida di bruciare le tappe e dedicarsi in modo costante alla categoria dei “grandi”. La giovane età di questi due judoka lascia ben sperare per l’avvenire, mentre Fabio Basile, pur presente nel ranking IJF, è oramai orientato verso la categoria di peso superiore, nella quale si è laureato campione d’Italia.

IL RANKING

1 Boldbaatar Ganbat MGL
2 Amiran Papinashvili GEO
3 Naohisa Takato JPN
4 Amartuvshin Dashdavaa MGL
5 Orkhan Safarov AZE
6 Beslan Mudranov RUS
7 Kim Won-Jin KOR
8 Yeldos Smetov KAZ
9 Felipe Kitadai BRA
10 Ilgar Mushkiyev AZE
11 Kherlen Ganbold MGL
12 Toru Shishime JPN
13 Ludwig Paischer AUT
14 Shinji Kido JPN
15 Ashley McKenzie GBR
16 Eric Takabatake BRA
17 Sharafuddin Lutfillaev UZB
18 Sofiane Milous FRA
19 Tsai Ming-Yen TPE
20 Artiom Arshanski ISR

99 Carmine Maria Di Loreto
145 Fabio Andreoli
165 Fabio Basile

I VIDEO

Finale Mondiali 2014: Boldbaatar Ganbat (MGL) vs Beslan Mudranov (RUS)

Finale Grand Slam di Parigi 2014: Boldbaatar Ganbat (MGL) vs Amiran Papinashvili (GEO)

Finale Europei 2014: Beslan Mudranov (RUS) vs Amiran Papinashvili (GEO)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top