Calcio, Conte incontra i tecnici della Serie A: “Creiamo un rapporto duraturo”

Conte_four_four-two-Tweet.jpg

Oggi, nella sede della Lega Calcio di Milano, è andato in scena l’incontro tra Antonio Conte e la maggioranza dei tecnici delle squadre della Serie A. Cinque le assenze (Zeman, Benitez, Garcia, Mancini e Sarri, tutti giustificati), che comunque non hanno impedito il regolare sviluppo dell’assemblea: il ct ha spiegato ai propri colleghi le sue proposte per rendere duraturo e redditizio il dialogo Nazionale-club.

Mi auguro che questo appuntamento venga istituzionalizzato e si svolga almeno una volta all’anno – ha commentato l’ex allenatore della Juventus, come riporta La Gazzetta dello Sport – “E’ un modo per creare un rapporto continuo con allenatori e giocatori, e avere di conseguenza un feedback con i club“. Il tema più caldo sul menu era lo svolgimento di uno stage in azzurro durante il campionato: è stata proposta una data (9-11 febbraio), adesso l’ultima parola spetterà alle società. Conte ha inoltre caldeggiato una partenza anticipata della prossima Serie A, per far arrivare in forma i calciatori agli impegni con l’Italia di settembre 2015, decisivi per la qualificazione a Euro 2016.

Poi, ecco il consueto grido d’allarme. “E’ un periodo in cui, portieri a parte, dei 23 convocati soltanto 8-10 giocano titolari nelle loro squadre. Per questo, chiedo un occhio di riguardo ai club, anche nel dare loro qualche minuto in più di allenamento dopo le partite. So che questa cosa, ai calciatori, può rompere le scatole, ma ci vuole anche un po’ di amor proprio da parte di chi è nel giro azzurro. Nessuno mi ha fatto promesse, né io avevo necessità di ascoltarle. Avevo solo il bisogno di confrontarmi con gli allenatori per rinsaldare la situazione a livello di rapporti e di informazioni, nel segno dell’onestà e della trasparenza. Dopo Genova, mi sono sentito in dovere di dire certe cose: se c’è da dire qualcosa, la dico, a costo di prendermi il vento in faccia perché vado controcorrente“, ha aggiunto il ct.

Presente all’incontro anche Carlo Tavecchio, numero uno della Figc. “È stato un discorso molto franco e costruttivo, si va verso un’istituzionalizzazione dei rapporti tra c.t. e allenatori prima delle convocazioni per conoscere stato psicofisico e ambientale dei convocati“, ha chiosato l’ex presidente della Lnd che fortemente ha voluto Conte in Nazionale ad agosto.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei”

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: profilo Twitter FourFourTweet

Lascia un commento

Top