Boxe: sfida mondiale tra Bundu e Thurman… sognando Mayweather

Boxe-Leonard-Bundu-FPI.jpg

Sabato 13 Dicembre il quarantenne Leonard Bundu, italiano nativo della Sierra Leone, affronterà il ventiseienne pugile della Florida Keith Thurman per il titolo mondiale WBA ad interim dei pesi welter. Una sfida tra due atleti che non hanno mai subito sconfitte nelle rispettive carriere da professionisti e che potrebbe valere una strada preferenziale per sfidare Floyd Mayweather, il campionissimo della categoria.

Bundu, che ha compiuto quarant’anni lo scorso 21 Novembre, vanta un invidiabile score di trentuno vittorie e due pareggi. La sua lunga carriera è irrimediabilmente legata al titolo europeo, conquistato per la prima volta nel 2009 contro il francese Frank Haroche Horta. Lasciata la cintura vacante, il pugile nativo di Freetown l’ha riconquistata nel 2011 contro Daniele Petrucci, difendendola con successo fino all’ultimo incontro, quello vinto lo scorso Agosto contro l’inglese Frankie Gavin. Ora Bundu, dopo aver rinunciato alla difesa del titolo EBU, ha deciso di puntare tutto sulla conquista del primato mondiale, che coronerebbe la sua splendida carriera.

Thurman, che ha compiuto gli anni solamente due giorni dopo l’italiano, pur essendo nato quattordici anni dopo, è uno statunitense che ha sempre vinto nei ventiquattro incontri disputati, salvo nel caso di un match rimasto senza verdetto, mettendo a segno ben ventuno KO. Il padrone di casa, inoltre, ha già una certa esperienza a questo livello, avendo conquistato il titolo WBA ad interim nel 2013 contro l’argentino Diego Gabriel Chaves, prima di difenderlo con successo in due occasioni.

Ma cosa comporta la vittoria di questo titolo? Il campione WBA dei pesi welter, in effetti, resta il grande Floyd Mayweather, che però ha combattuto di recente contro l’argentino Marcos Maidana sotto l’egida della WBC. La vittoria ad interim, dunque, rappresenta per il campione la possibilità di sfidare il vero titolare della cintura, ma solo quando quest’ultimo si renderà disponibile. Nel 2012, ad esempio, lo statunitense Robert Guerrero divenne campione ad interim WBC dei pesi welter, ma Mayweather lo sfidò solamente un anno dopo, battendolo. Lo stesso discorso vale per Thurman, che ancora non ha affrontato “Money” ad oltre un anno di distanza dalla sua prima vittoria, e che potrebbe farsi togliere questa possibilità da Bundu.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top