Bob, Coppa del Mondo: a Calgary esploso definitivamente Melbardis. Mayers Taylor ingiocabile

16A8656.jpg

Seconda tappa per la Coppa del Mondo 2014/2015 di bob a Calgary, l’ultima in terra nordamericana. Dal 2015 si ripartirà dai catini europei, per lo sprint finale verso i Mondiali. In Canada non sono cambiati i valori in campo rispetto a Lake Placid, ci sono due dominatori al maschile e al femminile.

Tra gli uomini è esploso definitivamente a 26 anni Oskars Melbardis. Il lettone fino ad ora è il protagonista di questa stagione. Due vittorie e quattro podi in altrettante uscite, con la trionfale trasferta canadese che l’ha visto vincere sia nel 2 che nel 4. Il baltico non è di certo uno sconosciuto: già da anni calca il palcoscenico della Coppa del Mondo, conquistando podi, e a febbraio è riuscito anche a salire sul podio olimpico a Sochi, ma lo si aspettava a livelli altissimi e sembra essere giunto il momento. Visti i risultati sembra quasi impossibile scalzarlo dalla vetta della classifica combinata, aspettiamo il 2015 per la conferma. Il più vicino al lettone, sia nel 2 che nel 4, è stato Francesco Friedrich, giovanissimo teutonico, ma già campione del mondo nel 2013. Il 24enne di Pirna sembra l’unico che possa impensierire Melbardis, soprattutto nella sua specialità regina, il 2. Bene anche il solito Beat Hefti, terzo (ma attaccatissimo ai primi due) nel 2. A deludere è ancora l’atteso Steven Holcomb: lo statunitense arrivati a questo punto nella scorsa stagione aveva già colto 5 successi, mentre in questo finale di 2014 non ha mai colto il podio.

Prosegue il momento magico di Elana Meyers Taylor tra le donne. La statunitense, vice campionessa olimpica, continua a vincere per dispersione. Ancora lontanissime le avversarie. La più vicina è stata la teutonica Anja Schneiderheinze, apparsa in gran forma in queste prime uscite. “Solo” terza la campionessa olimpica Kaillie Humphries, che non è riuscita a fare la differenza neanche sul catino di casa. Fuori dal podio, dopo averlo monopolizzato a Lake Placid (assieme alla Meyers), le statunitensi Fenlator e Greubel Poser.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ken Childs

Lascia un commento

Top