Biathlon: Shipulin vince la sprint di Pokljuka, Windisch è 12esimo

Dominik-Windisch.jpg

Una gara praticamente perfetta. Anton Shipulin detta legge a Pokljuka, dove è in corso la terza tappa di Coppa del mondo di biathlon: il russo, senza errori al poligono, ha vinto la sprint disputatasi in terra slovena.

Autore di un buon inizio di stagione, oggi Shipulin ha trovato una prestazione maiuscola. Come detto non ha commesso errori nei due poligono, tenendo anche il secondo tempo di giornata sugli sci che gli ha consentito di salire sul gradino più alto del podio con 11” di vantaggio sull’austriaco Dominik Landertinger. Anche lui non ha sbagliato, ma ha pagato sugli sci stretti dovendosi accontentare della seconda posizione davanti al norvegese Emil Hegle Svendsen. Come spesso successo in questa stagione uscito senza errori dai due poligoni, gli manca quella marcia in più sugli sci che lo aveva caratterizzato negli scorsi anni. Quarto, con un errore, il francese Martin Fourcade, il migliore nello sci di fondo. Grazie alla prestazione odierna è riuscito a mantenere la leadership in classifica di Coppa del mondo, nonostante Svendsen gli abbia rosicchiato qualche punticino.

Quinta piazza per un altro russo, Evgeniy Garanichev, che ha preceduto il tedesco Simon Schempp, il norvegese Tarjei Bø e il francese Quentin Fillon Maillet, tutti precisi al poligono al pari del russo Maxim Tsvetkov, nono. Con due bersagli mancati nella seconda serie di tiro Johannes Thingnes Bø si è insediato in decima piazza, un risultato che potrebbe lasciargli l’amaro in bocca per quanto fatto vedere nei primi due giri.

Ottima prova, finalmente, per l’italiano Dominik Windisch. Dopo qualche gara non facile ha finalmente inserito le marce alte, chiudendo in dodicesima posizione. Peccato per l’unico errore commesso, sull’ultimo bersaglio di giornata, che gli ha impedito di lottare quantomeno per la quinta posizione. Le indicazioni restano positivi e la gara odierna è la dimostrazione che quando riesce a limitare gli errori al poligono sugli sci stretti può far male. Senza errori, ha chiuso 15esimo Lukas Hofer, ancora in ritardo di condizione rispetto agli avversari ma finalmente preciso al poligono. 67esimo Christian De Lorenzi (0+1), 92esimo Pietro Dutto (0+2).

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Foto da: Serge Schwan Fisi

Lascia un commento

Top