Pro12, 7^ giornata: Treviso nella tana dei Warriors, le Zebre ci provano a Llanelli

Guinness-Pro12.jpg

Le coppe europee lasciano nuovamente la scena alle competizioni nazionali e alla settima giornata del Pro12. La capolista Ospreys ospita al Liberty Stadium la sorpresa dell’anno, il Connacht di Pat Lam, in un match apparentemente chiuso nel pronostico ma tutto da seguire. Proveranno a tenere il passo i Glasgow Warriors, che saranno chiamati a superare l’ostacolo rappresentato dal Benetton Treviso, in crescita dopo le buone impressioni destate contro il Racing Métro ma ancora lontano dal poter rappresentare un pericolo per i lanciatissimi scozzesi. Impegno sulla carta agevole anche per l’Ulster, in casa contro dei Dragons fin qui poco esaltanti, mentre la rincorsa di Munster continua per l’Arms Park di Cardiff. Il Leinster vuole rimettersi in carreggiata e il pubblico del RDS Arena non potrebbe accettare un passo falso anche contro Edimburgo, mentre a Llanelli Scarlets e Zebre si affrontano in un match tutt’altro che scontato.

Glasgow Warriors – Benetton Treviso

La seconda in classifica contro l’ultima. Tra le due attualmente il divario è pressoché enorme, vuoi per la rivoluzione estiva dei trevigiani, vuoi per i mostruosi progressi compiuti dagli uomini di Gregor Townsend, più che competitivi anche in Europa da quest’anno. I veneti hanno mostrato segni di ripresa nel match casalingo di Champions Cup contro il Racing, in cui hanno impensierito i francesi e offerto a tratti un gioco piacevole e divertente, come nello stile d’altronde di coach Casellato. Anche la difesa, grazie alla terza linea titolare, è tornata ad offrire prestazioni incoraggianti, sebbene il livello complessivo rimanga ancora troppo basso. Le cause sono da ricercare soprattutto nel mancato apporto degli stranieri, ancora fin troppo discontinui e lontani dai loro ipotetici standard. Come ribadito anche da Zatta in più occasioni, però, il tempo dei giudizi arriverà ben presto anche per i volti nuovi. Casellato ne schiererà quattro dal primo minuto per la trasferta dello Scotstoun: Hayward all’estremo, Christie all’apertura, Vallejos (il migliore finora) in seconda linea e Manu come pilone. Il capitano, in assenza di Pavanello, sarà Alessandro Zanni, mentre a n°9 il coach veneto dà fiducia ancora a Lucchese.
Kick-off alle ore 20:35 di venerdì 31, nessuna diretta tv.

Benetton Treviso: 15 Jayden Hayward, 14 Simone Ragusi, 13 Michele Campagnaro, 12 Enrico Bacchin, 11 Ludovico Nitoglia, 10 Sam Christie, 9 Alberto Lucchese, 8 Francesco Minto, 7 Alessandro Zanni (capitano), 6 Simone Favaro, 5 Corniel Van Zyl, 4 Tomas Vallejos, 3 Salesi Manu, 2 Davide Giazzon, 1 Matteo Zanusso
A disposizione: 16 Amar Kudin, 17 Albert Anae, 18 Rupert Harden, 19 Mat Luamanu, 20 Marco Lazzaroni, 21 Marco Barbini, 22 Luca Morisi, 23 James Ambrosini

Glasgow Warriors: 15. Peter Murchie, 14. Lee Jones, 13. Richie Vernon, 12. James Downey, 11. DTH van der Merwe, 10. Peter Horne, 9. Niko Matawalu; 1. Ryan Grant, 2. Pat MacArthur, 3. Rossouw de Klerk, 4. Tom Ryder, 5. Leone Nakarawa, 6. Josh Strauss (Captain), 7. Chris Fusaro, 8. Ryan Wilson
A disposizione: 16. Dougie Hall, 17. Alex Allan, 18. Zander Fagerson, 19. James Eddie, 20. Will Bordill, 21. Murray McConnell, 22. Connor Braid, 23. Rory Hughes

Scarlets – Zebre

Entrambe provengono da una parentesi europea decisamente produttiva. I gallesi hanno strappato uno scalpo prestigioso come quello dei Leicester Tigers, imponendosi grazie al solito gioco spumeggiante, mentre le Zebre hanno conquistato la prima vittoria europea della storia a casa del Brive. Gli uomini di Cavinato arrivano a Llanelli sulle ali dell’entusiasmo e con la consapevolezza di potersela giocare (quasi) ovunque, con la giusta determinazione e con l’adeguata concentrazione. Se poi gli Scarlets, contro cui i bianconeri hanno già sfiorato il successo, arrivano al match con ben 18 indisponibili, allora l’occasione diventa davvero ghiotta, soprattutto se nella lista figurano in nomi di Priestland, Lee, Ball, Owens, Jordan, Liam, Rhodri e Scott Williams, ovvero lo zoccolo duro della squadra. Pivac, insomma, ha le sue belle gatte da pelare e Leonard&co. possono rendere la vita ancor più complicata alla franchigia gallese.
Kick-off alle ore 19:00 di sabato 1, nessuna diretta tv.

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top