Calcio – Play-off under 21: Italia, missione raggiunta! Si va ad Euro 2015

Bernardeschi-italia-under-21-calcio-foto-fb-bernardeschi-pagina-ufficiale.jpg

REGGIO EMILIA – Dal totale controllo al grande spavento. La nazionale italiana under 21 supera 3-1 la Slovacchia a Reggio Emilia dopo un avvio brillante ed un altro calo fisico nella ripresa, nonostante la superiorità numerica poi addirittura doppia. Ci salva anche la terna arbitrale (topica gigante in occasione del rigore prima concesso e dopo negato agli avversari), ma con il gol scaccia pensieri di Longo l’obiettivo minimo del corso Di Biagio è raggiunto: si vola agli Europei 2015 in programma in Repubblica Ceca a giugno.

L’Italia, in campo come nella gara di andata con la sola eccezione di Crisetig al posto di Baselli, parte subito all’attacco e passa dopo cinque minuti. Il marcatore è Bernardeschi e la realizzazione è pregevole, ennesimo segno del suo enorme talento: cucchiaio mancino che si insacca dolcemente sopra la testa di Rusov. La Slovacchia prova a ricucire immediatamente lo strappo con un mancino velenoso di Zrelak, già in rete all’andata, deviato in corner. Al 15′ però è già raddoppio azzurro: bella combinazione in area tra Bernardeschi e Berardi, il secondo viene atterrato e dal dischetto Belotti non sbaglia. 2-0, l’Italia alza la cresta grazie al suo bomber e si avvicina alla qualificazione.

Il primo tempo degli uomini di Di Biagio è pressoché perfetto: attenzione in fase difensiva e rapidità davanti, la Slovacchia – che aveva dimostrato grande intensità all’andata – non trova varchi e va in affanno con le ripartenze. Al 34′ l’episodio che chiude virtualmente il match: Duda viene espulso per doppia ammonizione, l’Italia può rallentare il gioco e controllare la gara con l’uomo in più. Ad inizio ripresa, dopo un errore in contropiede di Berardi, c’è spazio per Benassi al posto di Viviani e la Slovacchia si butta in avanti per cercare di riaprire la contesa. Il subentrato Lobotka trova il 2-1 con un gran destro da fuori poco dopo l’ora di gioco e Bardi deve mettere una pezza su Zrelak dalla distanza.

Per gli azzurrini è una fase delicatissima: gli spazi per attaccare ci sono, ma non vengono sfruttati per evitare di scoprirsi e subire l’eventuale gol dell’eliminazione. Al 28′ un brivido scorre lungo il pubblico del Mapei Stadium: Bianchetti entra in ritardo e stende Schranz in area, il contatto è netto e l’arbitro non esita ed indica il dischetto. Poi però l’assistente Harris cambia versione e grazia l’Italia: pericolo scampato. Gli ospiti protestano a non finire e a farne le spese è l’attaccante Zrelak, che poco dopo viene espulso. In undici contro nove sarebbe reato uscire e al 90′ Longo cala il tris in contropiede che mette la parola fine all’incontro. 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei”

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook ufficiale Federico Bernardeschi

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top