Volley, Mondiali 2014 – L’Italia rinasce! Vince, convince, torna a giocare: Belgio demolito

Jiri-Kovar-Italia-Mondiale-volley.png

L’Italia batte un colpo, fondamentale, decisivo, chiaro: anche la nostra Nazionale è pienamente presente ai Mondiali! Gli azzurri sconfiggono il Belgio per 3-1 (26-28; 25-15; 25-16; 28-26), in un incontro ampiamente controllato nella fase centrale e che si stava trasformando in una marcia trionfale, se non fosse stato per un blackout nel quarto set e che ci stava trascinando a un immeritato tie-break.

I ragazzi di Berruto conquistano così la seconda vittoria consecutiva dopo il pazzesco rimontone sulla Francia, salgono a quota 5 punti e balzano al terzo posto nella classifica della pazza Pool D, alle spalle di Francia (7) e USA (6).

Riprendiamo fiducia, siamo a un passo dalla qualificazione alla seconda fase e possiamo portarci anche dei bei punti alla terza fase, ma il nostro cammino si deciderà domenica sera nella sfida agli States. Sabato sera (ore 20.15) la semplice passeggiata sulla Cenerentola Porto Rico.

 

L’Italia è stata davvero bella, cinica e concreta. I ragazzi hanno giocato a tutto campo, si sono divertiti, hanno imparato nuovamente cos’è il volley. Come ha dichiarato Baranowicz alla vigilia. Proprio il nostro palleggiatore è stato avvero perfetto, con una gestione del pallone davvero da urlo: primi tempi fenomenali con i suoi centrali, chiama ripetutamente gli schiacciatori, capisce le difficoltà iniziali di Zaytsev e lo rimette lentamente in partita.

L’uomo della serata è un sontuoso Jiri Kovar, che riscatta l’opaca prestazione di martedì sera e dimostra che è davvero un ottimo giocatore. Chiuderà la serata con 20 punti, 67% in fase offensiva, 60% in ricezione dove è onnipresente e fondamentale nelle dinamiche del nostro gioco.

Filippo Lanza, alla prima partita iridata da titolare, troneggia con 17 punti e gradisce molto i primi tempi. Per lui una prestazione monstre sottorete, condita da ben cinque stampatone.

Ivan Zaytsev ha iniziato in sordina e ha fatto fatica a ingranare. Lo Zar non era nella sua serata migliore, ma poi è tornato su dei buoni standard man mano che proseguiva l’incontro (17 punto).

Coppia centrale fenomenale: Birarelli e Buti superlativi in attacco (5 e 6 punti in fase offensiva), granitici a muro (4 a testa) soprattutto in un terzo set in cui davvero non è passato nulla.

Bel lavoro dei nostri due liberi Rossini e Colaci, perfettamente alternatisi tra difesa e ricezione.

 

Confermato il sestetto dell’impresa sui transalpini e l’effetto si vede fin dall’inizio. Buona partenza, bella disposizione in campo, giochiamo alla pari con l’insidioso Belgio. Abbiamo l’incontro in pugno, ma sul 15-12 succede quello che non ti aspetti: tre errori consecutivi di Zaytsev in attacco! Il finale del parziale è punto a punto e purtroppo una disattenzione ci dice male.

L’Italia si scioglie, domina letteralmente i parziali centrali, Belgio in bambola. Sul 17-10 del quarto set sembra fatta e invece accusiamo un pesantissimo black-out, come spesso accade alla nostra Nazionale. I fiamminghi ricuciono punto su punto, si arriva sul 22-22. Addirittura Kovar deve annullare un set-point. Poi è il giovanissimo Simone Anzani che, con il suo primo punto iridato (su primo tempo), ci regala il terzo match point: sfruttiamo l’attacco out di Van Den Dries e la chiudiamo!

 

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “La chiamano pallavolo, io la chiamo vita”

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “La pallavolo, vita”

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “Capitan Savani”

Clicca qui per mettere mi piace alla pagina “Ivan Zaytsev

 

(foto FIVB)

Lascia un commento

scroll to top