Canottaggio, Memorial D’Aloja: pronto riscatto dei pesi leggeri azzurri

Piediluco – Dopo il passo falso di ieri il doppio pesi leggeri di Pietro Ruta e Andrea Micheletti sale sul gradino più alto del podio, terminando in testa in tutti gli intermedi e chiudendo con oltre tre secondi di margine sui greci Magdanis-Giannaros.

Solita partenza lenta invece per Laura Milani ed Elisabetta Sancassani che tuttavia non si lasciano sfuggire l’appuntamento con la vittoria grazie a una grande rimonta negli ultimi 500 metri. Le campionesse mondiali 2013 si sono lasciate alle spalle la Svezia di Lilja-Fredh e dal Sudafrica di Johnstone-Grobler.

Altro bel duello tutto azzurro nel quattro senza pl, dove il quartetto formato da Vlcek, Dell’Aquila, La Padula e Tuccinardi non cala come accaduto ieri ai 1500 metri, e batte di 1″78 Luini, Goretti, Oppo e Di Girolamo. 

E’ sempre la Lituania a vincere invece nei senior. Nel quattro di coppia i baltici si confermano i migliori davanti a Evangelisti, Garibaldi, Laino e Raineri e all’altro equipaggio composto da Agamennoni, Mumolo, Venier e Montrone. Quartetti che rispetto a ieri hanno visto Raineri e Montrone scambiarsi i posti. Stesso discorso anche per il doppio senior con Mascinkas e Ritter che precedono Serbia e l’Italia di Francesco Fossi e Romano Battisti, quest’ultimo non al meglio a causa della febbre.

Si confermano al vertice nel due senza Marco Di Costanzo e Matteo Castaldo, ancora una volta primi davanti ai greci Tziallas e Angelopoulos. Successo bis anche del quattro senza di Paonessa, Perino, Vicino e del rientrante Lodo, ieri impegnato nell’otto. 

In campo femminile, oltre alle già citate Milani-Sancassani, tagliano per prime il traguardo Palma-Schiavone-Bertolasi e Patelli nel quattro di coppia mentre Beatrice ArcangioliniGaia Marzari si piazzano come ieri alle spalle delle irlandesi Kennedy e Dilleen nel due senza. Terza piazza per Sara Magnaghi nel singolo.

Clicca qui per tutti i risultati

La giornata di ieri 

Foto: Federazione italiana canottaggio

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Canottaggio, Memorial D’Aloja: i primi risultati da Piediluco, Milani-Sancassani seconde

Canoa velocità: Benassi e Florio brillano nel K1