Sochi 2014, freestyle: ricorso contro la tripletta francese dello skicross

Il Canada e la Slovenia hanno recentemente deposto persso il TAS di Losanna un ricorso contro il risultato dello skicross maschile ai Giochi Olimpici invernali: la prova, lo ricordiamo, era stata dominata dagli sciatori francesi, che avevano messo a segno una tripletta con Jean-Frédéric Chapuis, Arnaud Bovolenta e Jonathan Midol.

I due Comitati Olimpici avevano già tentato di fare ricorso presso il CIO, che però lo aveva respinto perché giunto oltre il tempo limite previsto. Ma, ciò che è più curioso, è la motivazione portata da sloveni e canadesi: sotto accusa non sono gli sci dei francesi, controllati come tutti in zona arrivo, ma i loro pantaloni, che avrebbero creato un effetto troppo aerodinamico, non conforme al regolamento secondo il punto di vista di queste due delegazioni.

Il verdetto del TAS dovrebbe arrivare entro le 11 di domani mattina: se dovesse essere accolto, il Canada vincerebbe la medaglia d’oro con Brady Leman, quarto della finale, mentre la Slovenia recupererebbe il bronzo con Filip Flisar. Curiosamente, nessuna irregolarità è stata riscontrata dalla Russia, che ha piazzato Egor Korotkov al quinto posto (potenziale argento).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sochi 2014, bob a quattro: Zubkov davanti, ma Melbardis attacca

Sochi 2014: ancora un caso di doping, questa volta nell’hockey