Tennis, per Barazzutti problemi di abbondanza in Fed Cup

tennis-fed-cup-quartetto-azzurro-tennisworlditalia.jpg

Mentre in campo maschile ci si appresta a vivere un week end all’insegna delle semifinali di Coppa Davis, a poco meno di due mesi dalla finale di Fed Cup è tempo di previsioni ed analisi in casa azzurra: per Corrado Barazzuti la recente edizione degli Us Open ha portato tante buone notizie per la nostra Nazionale.

Il ct infatti oltre alle fantastiche quattro (Errani, Vinci, Pennetta e Schiavone ndr) può contare anche sul nuovo che avanza, rappresentato dai volti giovani di Camila Giorgi, Karin Knapp e Natassja Burnett: insomma presente e futuro del tennis in gonnella italiano sembrerebbero in cassaforte, ma è meglio procedere per gradi.

Attualmente infatti Barazzuti può contare, ranking Wta alla mano, sulle prime due azzurre in singolare che formano anche la prima coppia al mondo nel doppio: alle loro spalle le “vecchiette” terribili Schiavone e Pennetta, altrettanto abili in coppia, quanto affidabili ed esperte in singolare.

Non è da escludere che il ct lasci la passerella finale (ci si augura vincente ndr) alla Schiavone in Fed Cup: a 33 anni compiuti, la Leonessa milanese punta alla quarta insalatiera in carriera ed al riscatto contro la Russia dopo la finale persa nel 2007. Un suo addio alla Nazionale non sarebbe quindi da escludere in vista di un ricambio generazionale, sebbene la trionfatrice del Roland Garros del 2010 abbia ancora tutte le carte in regola per giocarsi un posto tra le quattro convocate.

Alle sue spalle è quindi corsa a tre, con la Giorgi che seppur sia la più giovane, sembra essere la più accreditata per un posto in Nazionale: potendo contare ancora per molti anni sul duo Errani-Vinci in doppio, non sarebbe da escludere una scelta improntata su una singolarista, dimostratasi autentica mina vagante grazie agli ultimi exploit.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Twitter @Giannoviello

Gianluigi.noviello@olimpiazzurra.com

 

Lascia un commento

Top