Golf: terzetto in testa all’Open d’Italia, 7° Molinari e sorpresa Lipparelli

oa-logo-correlati.png

Un belga, un tedesco e un argentino. Non è l’incipit di una barzelletta, ma le nazionalità dei tre leader del 70° Open d’Italia Lindt (montepremi € 1.500.000) dopo il primo giro, rispettivamente Nicolas Colsaerts, Maximilian Kieffer e Ricardo Gonzalez, in testa con 65 (-7). La wild card dell’ultima Ryder Cup è stato strepitoso nelle seconde 9 del Circolo Golf Torino, in cui ha fatto segnare sette birdie di cui sei consecutivi (otto totali con un bogey); identico score per il teutonico, mentre il sudamericano ha girato con sei birdie, un bogey ed un eagle.

Quarto, con 66 (-6), l’australiano Marcus Fraser, davanti all’inglese Steve Webster e all’irlandese David Higgins (67, -5). E’ evidente come Francesco Molinari si senta a casa nel club in cui è cresciuto, alla luce dell’ottimo inizio con 68 (-4) e la settima posizione provvisoria; quattro birdie, un eagle e due bogey recita la sua card, per un Chicco al solito solido nel gioco da tee a green. Con il suo stesso punteggio, anche gli inglesi Seve Benson e Richard Finch, l’irlandese Simon Thornton, il danese JB Hansen, lo spagnolo Jorge Campillo e il sudafricano James Kingston.

Nella folta pattuglia azzurra presente (21 giocatori), spicca in particolare lo splendido round del 17enne dilettante Edoardo Raffaele Lipparelli, addirittura 14° con 69 (-3), frutto di quattro birdie e tre bogey. Buon inizio per Matteo Manassero, 24° con 70 (-2) – cinque birdie e tre bogey – ma atteso ad un cambio di passo importante nei prossimi giorni. Solo 64° un altro giocatore ‘di casa’, Matteo Delpodio (72, Par), con cinque birdie e altrettanti bogey, mentre Alessandro Tadini mette a referto sei birdie, quattro bogey ed un doppio bogey per il medesimo punteggio. Rischia ancora di non superare il taglio Lorenzo Gagli, con due bogey 102esimo a 74 (+2) e chiamato ad un’importante reazione.

Gli altri azzurri: 64esimi (72, Par) Riccardo Michelini (dilettante), Alessio Bruschi (18 Par per lui), Gregory Molteni e Luca Ruspa; 86esimi (73, +1) Andrea Maestroni, Stefano Pitoni (dilettante), Emanuele Canonica e Domenico Geminiani; 102esimo (74, +2) Aron Zemmer; 116esimo (75, +3) Francesco Laporta; 131esimi (76, +4) Mattia Miloro e Lorenzo Guanti; 137esimi (77, +5) Lorenzo Scotto e Andrea Romano.

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top