Golf: terzetto in testa all’Open d’Italia, 7° Molinari e sorpresa Lipparelli

oa-logo-correlati.png

Un belga, un tedesco e un argentino. Non è l’incipit di una barzelletta, ma le nazionalità dei tre leader del 70° Open d’Italia Lindt (montepremi € 1.500.000) dopo il primo giro, rispettivamente Nicolas Colsaerts, Maximilian Kieffer e Ricardo Gonzalez, in testa con 65 (-7). La wild card dell’ultima Ryder Cup è stato strepitoso nelle seconde 9 del Circolo Golf Torino, in cui ha fatto segnare sette birdie di cui sei consecutivi (otto totali con un bogey); identico score per il teutonico, mentre il sudamericano ha girato con sei birdie, un bogey ed un eagle.

Quarto, con 66 (-6), l’australiano Marcus Fraser, davanti all’inglese Steve Webster e all’irlandese David Higgins (67, -5). E’ evidente come Francesco Molinari si senta a casa nel club in cui è cresciuto, alla luce dell’ottimo inizio con 68 (-4) e la settima posizione provvisoria; quattro birdie, un eagle e due bogey recita la sua card, per un Chicco al solito solido nel gioco da tee a green. Con il suo stesso punteggio, anche gli inglesi Seve Benson e Richard Finch, l’irlandese Simon Thornton, il danese JB Hansen, lo spagnolo Jorge Campillo e il sudafricano James Kingston.

Nella folta pattuglia azzurra presente (21 giocatori), spicca in particolare lo splendido round del 17enne dilettante Edoardo Raffaele Lipparelli, addirittura 14° con 69 (-3), frutto di quattro birdie e tre bogey. Buon inizio per Matteo Manassero, 24° con 70 (-2) – cinque birdie e tre bogey – ma atteso ad un cambio di passo importante nei prossimi giorni. Solo 64° un altro giocatore ‘di casa’, Matteo Delpodio (72, Par), con cinque birdie e altrettanti bogey, mentre Alessandro Tadini mette a referto sei birdie, quattro bogey ed un doppio bogey per il medesimo punteggio. Rischia ancora di non superare il taglio Lorenzo Gagli, con due bogey 102esimo a 74 (+2) e chiamato ad un’importante reazione.

Gli altri azzurri: 64esimi (72, Par) Riccardo Michelini (dilettante), Alessio Bruschi (18 Par per lui), Gregory Molteni e Luca Ruspa; 86esimi (73, +1) Andrea Maestroni, Stefano Pitoni (dilettante), Emanuele Canonica e Domenico Geminiani; 102esimo (74, +2) Aron Zemmer; 116esimo (75, +3) Francesco Laporta; 131esimi (76, +4) Mattia Miloro e Lorenzo Guanti; 137esimi (77, +5) Lorenzo Scotto e Andrea Romano.

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Tag

Lascia un commento

Top