Europei Basket 2013: Italbasket, ecco le armi per battere la Lituania

oa-logo-correlati.png

Quelli che storcevano il naso dopo l’emozionante vittoria in rimonta con la Spagna lo facevano pensando soprattutto all’avversario che incontreremo domani sera nei quarti: in effetti incrociare la Lituania nei quarti non fa piacere a nessuno, ma va detto anche che quando cominciano le sfide ad eliminazione diretta gli spauracchi vanno prima o poi affrontati. Ed alzi la mano a chi credeva in una qualificazione italiana ai quarti…

In ogni caso domani alle 21 l’Italbasket affronterà la nazionale più alta degli Europei 2013, con ben 7 giocatori oltre i due metri ed esperti di partite da dentro o fuori. Ma hanno Maciulis a parte, esterni meno temibili e veloci dei nostri e meno abili sul gioco in pick & roll.

Pianigiani ha benedetto il giorno ulteriore di riposo odierno che gli consentirà di recuperare al meglio i vari Datome, Gentile, Belinelli, Diener e Cinciarini, non al meglio dopo gli incontri della seconda fase: saranno fondamentali loro con penetrazioni e tiro da fuori, insieme ad una corretta gestione difensiva in chiave falli di Cusin per sferrare l’attacco decisivo ai lituani e qualificarsi direttamente ai Mondiali 2014.

Siamo meno forti fisicamente, ma gli azzurri hanno ampiamente dimostrato di avere un cuore ed uno spirito di sacrificio incredibile: e se Belinelli e Datome sono in serata positiva, a girare saranno anche tutti gli altri effettivi a disposizione di Pianigiani…

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Twitter @Giannoviello

Gianluigi.noviello@olimpiazzurra.com

 

WEB TV

One Reply to “Europei Basket 2013: Italbasket, ecco le armi per battere la Lituania”

  1. richimaraviglia ha detto:

    Io ricordo ancora la semifinale olimpica del 2004 contro la Lituania dove una nazionale favolosa arrivò a sfiorare l’oro olimpico.Sarà certamente una sfida diversa da quella ma si può sempre sognare qualcosa di buono anche quando si ritiene di non avere la stessa qualità degli avversari.Perciò avanti a tutta forza azzurri e prendiamoci questa semifinale.

Lascia un commento

scroll to top