Volley, Grand Prix: le pagelle di Italia – USA

oa-logo-correlati.png

Poche ore fa una bella Italia batteva gli Stati Uniti e conquistava la sua prima vittoria nella Final Six del Grand Prix. Di seguito le pagelle delle azzurre scese in campo.

 

IL MEGA RIMONTE NEL TIE-BREAK: 10. Sotto 14-10 nel set decisivo, con quattro match point in mano alle campionesse in carica. Sull’orlo del precipizio le nostre ragazze sono meravigliose, tirano fuori una grinta mai vista in questi giorni, infilano sei punti consecutivi e conquistano la loro prima vittoria nella Final Six.

 

L’INFORTUNIO DI SIGNORILE: 2. Questa proprio non ci voleva. La nostra palleggiatrice stava giocando molto bene, i meccanismi erano sempre più rodati anche in vista degli imminenti Europei. Durante il secondo set la caviglia destra fa crac: ora si aspetta con ansia il referto medico.

IL RITORNO DI MONICA DE GENNARO: 7,5. Il nostro libero titolare ritorna dopo l’infortunio al polpaccio e la sinfonia cambia radicalmente in ricezione. Le percentuali aumentano, il gioco è più fluido e la ricostruzione del gioco può viaggiare più tranquilla.

 

VALENTINA DIOUF: 8. La migliore delle azzurre. Top scorer indiscussa con 31 punti all’attivo, ha vinto un set da solo attaccando con potenza tutti i palloni e tirando fuori finalmente una bella percentuale (50%), accompagnata da addirittura cinque muri. La consistenza data alla squadra si fa sentire, specialmente nel rimontone finale, anche se spesso servirebbe un po’ più di precisione.

 

INDRE SOROKAITE: 4. Dopo le bellissime prestazioni con Cina e Giappone, questa volta non riesce ad entrare in partita. Inizia titolare di banda, poi viene sostituita dalla Bosetti subentra negli ultimi tre parziali ma riesce a siglare solo un punto.

CATERINA BOSETTI: 7. Dopo il pessimo match contro il Giappone, la schiacciatrice si riprende e torna ai suoi livelli. Va in doppia cifra e si fa apprezzare sottorete. E dire che non sembra essere al 100%: se durante gli Europei si scatena come spesso ha fatto vedere…

 

LETIZIA CAMERA: 6. Fatica a sostituire la Signorile, soprattutto a partita in corso e con i meccanismi già rodati. Fortunatamente si riprende e riesce a servire al meglio le compagne.

CAROLINA COSTAGRANDE: 6,5. Il martello c’è e si vede e contribuisce in maniera decisiva al tabellino siglando 18 punti, ma la fase in attacco fatica ancora (poco oltre il 30%).

 

MARTINA GUIGGI: 6,5. Capitana per grinta e cattiveria, trascina le sue con l’entusiasmo. A muro non è esplosiva come in altre occasioni (solo 2 punti), ma in attacco tira fuori un bel 50%.

VALENTINA ARRIGHETTI: 6-. Piske non gioca la sua miglior partita e rimane a galla solo per le sue grandi urla che riescono sempre a scuotere le compagne.

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top