Triathlon, Giovine Italia: intervista a Matthias Steinwandter

oa-logo-correlati.png

Per la rubrica Giovine Italia, OlimpiAzzurra ha intervistato Matthias Steinwandter giovane triatleta vincitore di numerose medaglie nel settore junior e che in futura potrà regalarci delle belle soddisfazioni.

Come è nata la passione per questo sport?

“È nata circa 10 anni fa quando ho fatto il mio primo Triathlon a Caldaro. Prima avevo fatto un po’ di atletica, poi nuoto con Massimo Galletti chemi ha fatto conoscere questo bellissimo  e faticosissimo sport”.

Come valuti la tua stagione fin qui disputata?

“É la prima stagione da Under23 ricca di novità, come la distanza olimpica e nuovi tipi di allenamenti. E’ cambiato praticamente tutto rispetto a quando ero uno Junior. E’ una stagione di transito: ho fatto delle belle gare come i duathlon , l’Europeo Elite in Turchia, ma anche gare negative come la gara di Coppa Europa di Cremona e l’Europeo Under 23 in Olanda”.

In che frazione ti esprimi meglio e in quale fatichi di più?

“Al momento sto bene in tutte e tre, molte volte dipende dalle gare. Il mio punto forte è la corsa”.

Quali sono i tuoi prossimi obbiettivi?

“Quest’anno non avevo obbiettivi particolari, mi voglio divertire, imparare, fare esperienza e vedere a che punto sto nel confronto con i piú forti nel Triathlon. Nonostante questo spero di finire questa stagione facendo delle belle gare”.

Rio 2016: ci pensi o è un obbiettivo ancora difficile da raggiungere?

“La qualificazione inizia l’anno prossimo quindi ancora non ci penso e sará abbastanza difficile…peró mai dire mai”.

Quali sono i tuoi idoli nel mono del triathlon? 

“Qui in Italia ci sono alcuni due dei miei compagni di nazionale che stimo molto per il loro comportamento, impegno e atteggiamento: Daniel (Hofer) e Uccio (Uccellari Davide). Nel Triathlon mondiale é sicuramente spettacolare veder gareggiare i fratelli Brownlee, sopratutto come interpretano la gara”.

Cosa ne pensi del settore giovanile del triathlon italiano?

“È difficile dirlo perché è il primo anno che non faccio più parte dei giovani, da quello che vedo e sento mi pare che i numeri dei partecipanti stiano aumentando. Il livello non è altissimo ma neanche scarso”.

michelepio.pompilio@olimpiazzurra.com

foto Marco Bardella

Seguici sulla nostra pagina Facebook e partecipa alle discussioni sul nostro gruppo

Tag

Lascia un commento

Top