Pallanuoto: gli under 20 nuovo serbatoio del Settebello?

oa-logo-correlati.png

La nazionale italiana u20 di pallanuoto domenica si è aggiudicata da dominatrice il Mondiale di categoria in Ungheria, battendo la Croazia in finale e concludendo il torneo senza nessun minimo segno di cedimento.

Il successo della squadra guidata da Nando Pesci a Szombathely per gli addetti ai lavori però non è stato una novità assoluta (ricordiamo anche due vittorie agli Europei), anzi: questa nazionale è forse quella che in futuro darà più giocatori per il nuovo quadriennio del Settebello. Nicolas Presciutti (fratello di Christian, classe ’93), Di Fulvio (classe ’93), Vespa (classe ’93), Fondelli (classe ’94), Velotto (classe ’95), Alesiani (classe ’96) hanno tutti già calcato quest’anno l’esordio con la calottina della squadra di Sandro Campagna e in futuro saranno in pianta stabile nel progetto azzurro.

Se ci preoccupavamo per il passo falso dell’Italia ai Mondiali, della leggera “crisi” del Settebello, pochissimi giorni dopo è arrivata subito la soluzione: ne abbiamo e come di talenti. Bisogna puntare su di loro.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook.

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo.

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top