Italian Softball League, una stagione emozionante

oa-logo-correlati.png

Quando si interrompe un dominio durato quattro anni, significa che si è fatto qualcosa di grande. Certo, Des Caserta, ai nastri di partenza dell’Italian Softball League 2013, sembrava leggermente meno forte rispetto alle stagioni passate, ma ad ogni modo non poteva non essere citata come la favorita d’obbligo anche per questo campionato.

Troppa l’esperienza del gruppo di Obletter, troppe le individualità di altissimo profilo presenti nel roster, da Dagmar Bloeming al terzetto di azzurre composto da Sandra Bosdachin, Giulia Longhi e Priscilla Brandi. Eppure, il filotto delle campane si è arenato in semifinale contro una stratosferica Rhibo La Loggia: una vittoria sorprendente fino ad un certo punto, perché comunque le ragazze del manager Armando Aguilar hanno sempre dimostrato di saper “fare gruppo” alla perfezione, una dote quantomai fondamentale soprattutto nei playoff, come ha dichiarato anche Sara Avanzi, MVP della finale, al sito FIBS. Proprio la Avanzi, al pari di una Stella Turazzi letteralmente a tutto campo rientrata appositamente da Calgary, è stata una delle più belle realtà dell’ultima parte di stagione, mentre in regular season Michela Musitelli aveva ancora una volta dimostrato tutto il suo valore con una serie di prestazioni di altissimo profilo.

Sicuramente deluse per l’esito finale del campionato le atlete della Sanotint Bollate: con Caserta fuori dai giochi, probabilmente, pregustavano già quel titolo sempre sfuggito per un niente nelle ultime stagioni e invece hanno dovuto cedere, oltretutto sul campo amico, contro le scatenate torinesi. Ciò non inficia comunque l’ottima annata vissuta dalle bollatesi che, salvo qualche distrazione, avevano letteralmente dominato la stagione regolare, proprio davanti a La Loggia: la Cecchetti family (la giovanissima Elisa, Lara e Greta) ha garantito grande continuità di rendimento, ma in finale Bollate ha veramente gettato via-senza nulla togliere al valore delle avversarie, ovvio- un successo che sembrava alla portata di un gruppo stabilmente tra i migliori della ISL ormai da molte stagioni.

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro gruppo

Lascia un commento

Top